Cassazione penale Sez. Unite sentenza n. 12164 del 30 marzo 2012

(2 massime)

(massima n. 1)

La disposizione generale per cui la nomina di un difensore in eccedenza rispetto al numero consentito rimane priva di effetto finchÚ la parte non provvede alla revoca di quelle precedenti, non Ŕ applicabile nel giudizio di cassazione, nel quale prevale, in quanto speciale, quella dell'art. 613, comma secondo, c.p.p., in forza della quale la nomina di un terzo difensore iscritto nell'albo delle giurisdizioni superiori ai fini della presentazione del ricorso o successivamente non pu˛ essere considerata eccedente e conferisce a quest'ultimo in via esclusiva nella fase di legittimitÓ la titolaritÓ della difesa ed il diritto a ricevere i relativi avvisi.

(massima n. 2)

La nomina del terzo difensore di fiducia dell'imputato, in assenza di revoca espressa di almeno uno dei due giÓ nominati, resta priva di efficacia, salvo che si tratti di nomina per la proposizione dell'atto di impugnazione la quale, in mancanza di contraria indicazione dell'imputato, comporta la revoca dei precedenti difensori. (In motivazione la Corte ha chiarito, con riguardo al caso del successivo conferimento di mandato speciale ad impugnare al terzo difensore, che qualora uno di quelli precedentemente nominati giÓ abbia proposto impugnazione, questa conserva validitÓ, mentre quando entrambi i patroni originariamente incaricati abbiano proposto gravame, quello del legale nominato all'uopo in eccedenza rimane inefficace, in quanto la facoltÓ di impugnazione legittimamente esercitata dai primi difensori ha consumato quella del terzo nominato).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.