Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 34171 del 26 agosto 2008

(1 massima)

(massima n. 1)

L'inutilizzabilità, per inosservanza della disposizione sul previo avvertimento ex art. 64, terzo comma, lett. c ), c.p.p., delle dichiarazioni rese come persona informata sui fatti dal soggetto che invece avrebbe dovuto essere imputato di reato connesso, non determina l'impossibilità di procedere a nuovo rituale esame del soggetto medesimo a norma dell'art. 210, comma sesto, c.p.p., e dunque di utilizzare le dichiarazione così legittimamente rese. (Nella specie, la Corte ha rilevato che l'inutilizzabilità non colpisce il fatto rappresentativo della realtà ma soltanto la regolare modalità di impiego del mezzo attraverso il quale il fatto viene documentato ).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.