Cassazione civile Sez. I sentenza n. 4201 del 18 ottobre 1989

(1 massima)

(massima n. 1)

Nelle controversie in tema di impugnazione del riconoscimento di figlio naturale (e di contestazione della legittimitÓ), trova applicazione, in mancanza di una deroga esplicita, la regola generale prevista dall'art. 70, n. 3, c.p.c., secondo la quale nelle cause riguardanti lo stato e la capacitÓ delle persone il P.M. deve (soltanto) intervenire sotto pena di nullitÓ e non pu˛, quindi, (anche) esercitare l'azione e proporre impugnazione. NÚ l'espressione źchiunque vi abbia interesse╗, usata dall'art. 263 c.c. per indicare i soggetti legittimati ad impugnare il riconoscimento, pu˛ ritenersi comprensiva del P.M., essendo essa riferibile ai soli soggetti privati che abbiano un interesse individuale qualificato (concreto, attuale e legittimo) sul piano del diritto sostanziale, di carattere patrimoniale o morale, allo essere o al non essere dello status, del rapporto, dell'atto dedotto in giudizio (ad es. gli eredi e di parenti di chi risulti il genitore legittimo o l'autore del riconoscimento, colui che allega di essere il vero genitore, ecc.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.