Cassazione civile Sez. I sentenza n. 2269 del 24 febbraio 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

L'impugnazione del riconoscimento di figlio naturale, per difetto di veridicitą, da parte del suo autore a norma dell'art. 263 c.c., ancorché non richieda la sopravvenienza di elementi di conoscenza nuovi rispetto a quelli noti al momento del riconoscimento, non ne costituisce una revoca, di cui l'art. 256 c.c. sancisce il divieto, poiché l'autore che impugna il riconoscimento, č tenuto alla giudiziale dimostrazione della non rispondenza del riconoscimento al vero.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.