Cassazione penale Sez. I sentenza n. 45798 del 20 dicembre 2001

(1 massima)

(massima n. 1)

Il disposto di cui all'art. 33 bis, comma 1, lett. n), c.p.p., per il quale Ŕ attribuita al tribunale in composizione collegiale la competenza per il źdelitto previsto dall'art. 29, secondo comma, della legge 13 settembre 1982 n. 646 in materia di misure di prevenzione╗, trova applicazione soltanto con riguardo a reati che abbiano natura finanziaria, valutaria o societaria e siano stati commessi da soggetti sottoposti con provvedimento definitivo a misura di prevenzione in quanto indiziati di appartenenza ad associazione mafiosa ovvero siano stati condannati con sentenza definitiva per il delitto di associazione per delinquere di tipo mafioso. (Nella specie, in applicazione di tale principio, la Corte, risolvendo un conflitto, ha affermato la competenza del tribunale monocratico a conoscere del reato Ś ritenuto non finanziario Ś di omessa comunicazione delle variazioni patrimoniali, previsto dall'art. 31 della citata legge n. 646/1982).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.