Cassazione penale Sez. I sentenza n. 42794 del 28 novembre 2001

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di termini di custodia cautelare, qualora il giudice del dibattimento dichiari la propria incompetenza, per materia o per territorio, così determinando la necessaria regressione del procedimento alla fase delle indagini preliminari (posto che detta declaratoria comporta la trasmissione degli atti al pubblico ministero presso il giudice ritenuto competente e non direttamente a quest'ultimo, come originariamente previsto dall'art. 23 c.p.p.), il termine di durata massima della custodia cautelare per la fase anzidetta dev'essere calcolato - in linea con l'orientamento espresso, da ultimo, dalla Corte costituzionale con l'ordinanza 15 novembre 2000 n. 529 - tenendo conto non solo del periodo di privazione della libertà sofferto nel corso dell'omologa fase precedente, ma anche di quello sofferto durante la fase dibattimentale conclusasi con la pronuncia di incompetenza, fermo restando che detto secondo periodo non potrà essere poi ulteriormente computato anche nel calcolo del termine per la nuova, eventuale fase dibattimentale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.