Cassazione civile Sez. VI sentenza n. 21750 del 4 dicembre 2012

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di affidamento del figlio naturale, Ŕ competente il tribunale per i minorenni del luogo dove si trova la dimora abituale del minore nel momento in cui Ŕ stato proposto il ricorso, senza che assuma rilievo la mera residenza anagrafica o eventuali trasferimenti contingenti o temporanei; invero, nella individuazione in concreto del luogo di abituale dimora non pu˛ farsi riferimento ad un dato meramente quantitativo, rappresentato dalla prossimitÓ temporale del trasferimento di residenza e dalla maggiore durata del soggiorno in altra cittÓ,essendo, invece, necessaria una prognosi sulla probabilitÓ che la "nuova" dimora diventi l'effettivo e stabile centro d'interessi del minore ovvero resti su un piano di verosimile precarietÓ o sia un mero espediente per sottrarsi alla disciplina della competenza territoriale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.