Cassazione civile Sez. II sentenza n. 2330 del 5 marzo 1987

(2 massime)

(massima n. 1)

Ai sensi dell'art. 2969 cod. civ., la decadenza, di regola, non Ŕ rilevabile di ufficio, per cui, in tanto la questione della tempestivitÓ dell'azione pu˛ sorgere, in quanto l'interessato sollevi la relativa eccezione, la quale deve consistere non solo nella menzione di un fatto storico, ma anche nella chiara, seppure non formale, manifestazione della volontÓ di avvalersi dell'effetto, estintivo dell'altrui pretesa, che a quel fatto la legge ricollega. (Fattispecie in cui la parte, convenuta con azione di reintegrazione nel possesso di una servit¨ di passaggio, si era limitata ad esporre, nella parte narrativa delle sue difese scritte, che da oltre tre anni aveva delimitato e recintato il terreno di sua proprietÓ, senza mai eccepire l'avvenuta decadenza dell'azione ex art. 1168, primo comma, cod. civ.).

(massima n. 2)

Allorquando nel giudizio di secondo grado venga deferito dall'appellante giuramento decisorio all'appellato, ma subordinatamente all'ipotesi che non si ritengano acquisiti elementi sufficienti per accogliere l'impugnazione, il giudice di appello, nel mancato verificarsi di tale condizione, non pu˛ e non deve prendere in considerazione il mezzo istruttorio che la legge rimette alla disponibilitÓ delle parti e che, quindi, non Ŕ ammissibile di ufficio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.