Cassazione civile Sez. I sentenza n. 5550 del 7 giugno 1999

(1 massima)

(massima n. 1)

Le regole sui modi di acquisto della proprietÓ, sulla portata del principio consensualistico in materia di effetti reali del contratto e sulla conseguente considerazione della natura e della funzione della vendita ad efficacia reale immediata, risultano in via di principio applicabili alla vendita forzata, anche in sede fallimentare. Ne consegue che, nel caso di limitazioni al contenuto del diritto acquistato dall'aggiudicatario definitivo Ś da identificarsi con la facoltÓ, di cui gode il proprietario ex art. 832 c.c.. di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo Ś quali la clausola, contenuta nella ordinanza di vendita, relativa all'acquisto dell'immobile źnello stato di fatto e di diritto╗ in cui si trova, Ŕ opponibile all'aggiudicatario il godimento spettante al terzo, in dipendenza di contratto di affitto dell'azienda in corso con la curatela al momento dell'aggiudicazione dell'immobile aziendale. Ci˛, peraltro, non esclude che, in applicazione della disciplina della fruttificazione, competa al proprietario subentrante un corrispettivo per il godimento del bene protratto dopo il trasferimento della proprietÓ del bene a causa del protrarsi della durata dell'affitto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.