Cassazione civile Sez. I sentenza n. 7660 del 1 agosto 1990

(1 massima)

(massima n. 1)

La valutazione delle circostanze (tipiche od atipiche), in presenza delle quali Ŕ consentita, a norma dell'art. 2723 c.c., l'ammissione della prova per testimoni di patti, aggiunti o contrari, posteriori alla formazione di un documento, Ŕ demandata al potere discrezionale del giudice di merito, il quale pu˛ anche attribuire, in negativo o in positivo, valore preminente ad una od alcune di esse, con apprezzamento che, se congruamente motivato, si sottrae al sindacato di legittimitÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.