Cassazione civile Sez. II sentenza n. 2754 del 27 marzo 1997

(2 massime)

(massima n. 1)

L'art. 2704 c.c. non consente di inferire la data di un documento dal suo contenuto intrinseco, ma impone invece di avere riguardo a circostanze oggettive esterne, come la registrazione, la morte del sottoscrittore, etc. che siano sicuramente posteriori alla formazione dell'atto. In difetto di tali condizioni non pu˛ attribuirsi all'atto una data precedente a quella della sua produzione in giudizio.

(massima n. 2)

L'operativitÓ ex tunc della ratifica nell'ambito del diritto processuale permette di riferire allo pseudo rappresentato l'attivitÓ svolta dal falsus procurator, salvo il caso espressamente eccettuato dall'art. 182 c.p.c. che si sia verificata una decadenza. (Nella specie la S.C. ha confermato la sentenza impugnata con cui era stata dichiarata l'inammissibilitÓ dell'appello per difetto di rappresentanza dell'amministratore di un condominio, nonostante la ratifica dell'assemblea intervenuta nel corso dello stesso giudizio d'appello, ma dopo che era scaduto, il termine per proporre impugnazione).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.