Cassazione penale Sez. V sentenza n. 7326 del 15 febbraio 2008

(1 massima)

(massima n. 1)

Integra la distrazione rilevante ex artt. 216 e 223, comma primo, l. fall. (bancarotta fraudolenta impropria) la condotta di colui che trasferisca, senza alcuna contropartita economica, beni di una societÓ in difficoltÓ economiche - di cui sia socio ed effettivo gestore - ad altra del medesimo gruppo in analoghe difficoltÓ, considerato che, in tal caso, nessuna prognosi positiva Ŕ possibile e che, pur a seguito dell'introduzione nel vigente ordinamento dell'art. 2634, comma terzo, c.c., la presenza di un gruppo societario non legittima per ci˛ solo qualsivoglia condotta di asservimento di una societÓ all'interesse delle altre societÓ del gruppo, dovendosi, per contro, ritenere che l'autonomia soggettiva e patrimoniale che contraddistingue ogni singola societÓ imponga all'amministratore di perseguire prioritariamente l'interesse della specifica societÓ cui sia preposto e, pertanto, di non sacrificarne l'interesse in nome di un diverso interesse, ancorchÚ riconducibile a quello di chi sia collocato al vertice del gruppo, che non procurerebbe alcun effetto a favore dei terzi creditori dell'organismo impoverito.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.