Cassazione civile Sez. Unite sentenza n. 1642 del 12 marzo 1980

(2 massime)

(massima n. 1)

La domanda, con la quale i partecipanti ad un consorzio per strada vicinale, non soggetta a servit¨ di pubblico transito, impugnano le deliberazioni del consorzio medesimo, resta devoluta alla giurisdizione del giudice ordinario, tenuto conto che i consorzi stradali hanno natura di persone giuridiche pubbliche solo se costituiti per strade vicinali di uso pubblico.

(massima n. 2)

Nei consorzi per strade vicinali, non soggette ad uso pubblico, come in ogni aggregato sociale assunto ad entitÓ propria, lo statuto rappresenta l'ordinamento interno e ne regola il modo d'agire. Pertanto, avverso le delibere adottate da detti consorzi, con le prescritte maggioranze, in ordine alle spese per servizi comuni ed ai relativi criteri di ripartizione, l'impugnativa del singolo partecipante dissenziente pu˛ essere solo diretta a far valere la violazione di norme dello statuto, ovvero, quando si tratti di servizi dallo statuto stesso non regolamentati, la lesione di propri diritti individuali, ma non anche questioni di opportunitÓ delle decisioni medesime. (Nella specie, era stata deliberata la spesa per il servizio di guardiania, non prevista dallo statuto, con ripartizione secondo il valore iniziale delle quote in conformitÓ del criterio generale dettato dallo statuto, senza tener conto che solo alcuni comproprietari avevano edificato sui lotti di rispettiva proprietÓ. La S.C. ha ritenuto correttamente esclusa la sindacabilitÓ da parte del giudice di detta delibera).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.