Cassazione civile Sez. I sentenza n. 1095 del 14 febbraio 1990

(1 massima)

(massima n. 1)

Il non puntuale adempimento dell'obbligo di mantenimento del coniuge separato Ś anche se con pochi giorni di ritardo rispetto alla scadenza imposta Ś legittima, ove tale comportamento provochi fondati dubbi sulla tempestivitÓ dei futuri pagamenti, l'emanazione dell'ordine ai terzi, tenuti a corrispondere anche periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato, che una parte di esse venga versata direttamente all'avente diritto, in quanto la funzione che adempie l'assegno di mantenimento viene ad essere frustrata anche da semplici ritardi.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.