Cassazione civile Sez. I sentenza n. 3341 del 6 luglio 1978

(1 massima)

(massima n. 1)

L'assegno di mantenimento dovuto al coniuge separato, consistente in una prestazione che non si esaurisce nello stretto necessario per la sopravvivenza, ma comprende tutto quanto sia richiesto per un tenore di vita adeguato alla sua posizione economico-sociale, va determinato, nel suo ammontare, sulla base di una valutazione correlativa della situazione dei coniugi, nei limiti dell'insufficienza dei mezzi di cui disponga l'avente diritto, ed in proporzione delle sostanze dell'obbligato. Pertanto, anche la variazione delle condizioni di uno soltanto dei coniugi pu˛ giustificare l'accoglimento di una richiesta di modificazione di detto ammontare, previo rinnovo di quella valutazione comparativa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 25 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.