Cassazione civile Sez. II sentenza n. 10447 del 21 ottobre 1998

(2 massime)

(massima n. 1)

Nell'ipotesi in cui la sentenza contro la quale Ŕ stato proposto gravame contenga un errore materiale, l'istanza di correzione dello stesso, non essendo rivolta ad una vera e propria riforma della decisione, non deve necessariamente formare oggetto di uno specifico motivo di impugnazione, neppure in via incidentale, ma pu˛ essere proposta in qualsiasi forma e pu˛ anche essere implicita nel complesso delle deduzioni difensive svolte in appello, con la conseguenza che, ove l'istanza di correzione sia stata espressa in un appello incidentale, la declaratoria di inammissibilitÓ del suddetto appello incidentale non preclude la decisione in ordine alla suddetta istanza.

(massima n. 2)

Nella societÓ in accomandita semplice, il compimento di atti della gestione sociale da parte del socio accomandante, se pure determina, a norma dell'art. 2320 c.c., la perdita della limitazione di responsabilitÓ di detto socio, non comporta per˛ la responsabilitÓ della societÓ per gli atti e i contratti posti in essere dal suddetto socio per conto (e in nome) di essa, salva l'ipotesi di successiva ratifica.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.