Cassazione civile Sez. I sentenza n. 8468 del 2 agosto 1995

(1 massima)

(massima n. 1)

La presunzione di eguale obbligo di conferimento del socio della societā semplice e di eguale partecipazione del medesimo alla societā, stabilita, in mancanza di patto contrario, dagli artt. 2253 e 2263 c.c., č esclusa per il socio d'opera la cui quota, in considerazione della particolare natura della prestazione d'opera, di per sé variabile, perché, tra l'altro, legata a fattori personali destinati a modificarsi nel tempo, deve essere determinata dal giudice, ai sensi dell'art. 2263 c.c., con un giudizio equitativo che sappia tener conto degli elementi che di volta in volta caratterizzano la fattispecie.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.