Cassazione civile Sez. II sentenza n. 22233 del 25 novembre 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel contratto di prestazione di opera professionale la qualitÓ di cliente pu˛ non coincidere con quella del soggetto a favore del quale l'opera del professionista deve essere svolta, di tal che chiunque pu˛, per le pi˙ svariate ragioni, dare incarico ad un professionista affinchÚ questi presti la propria opera a favore di un terzo, con la conseguenza che il contratto si conclude tra il committente ed il professionista, il quale resta obbligato verso il primo a compiere la prestazione a favore del terzo, mentre il primo resta obbligato al pagamento del compenso.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.