Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 1165 del 4 febbraio 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

In pendenza di un processo penale a carico del lavoratore il principio dell'immediatezza che condiziona la validitÓ del recesso in tronco per giusta causa deve essere coordinato con l'esigenza di accertamento dei fatti, ed il comportamento dell'imprenditore che decide di mantenere in servizio il dipendente (nella specie, dopo un periodo di carcerazione) riservandosi di provvedere all'esito degli accertamenti in sede giudiziaria non pu˛ essere interpretato come rinunzia all'esercizio del potere disciplinare.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.