Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 577 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 28/12/2023]

IndivisibilitÓ dei fondi

Dispositivo dell'art. 577 Codice di procedura civile

La divisione in lotti non può essere disposta se l'immobile costituisce una unità colturale o se il frazionamento ne potrebbe impedire la razionale coltivazione (1).

Note

(1) La disposizione in esame si ricollegava al disposto dell'art. 846 c.c., abrogato dal d.lgs. 99/2004, il quale disciplinava la c.d. minima unità colturale. Il d.lgs. ha completato il processo di modernizzazione del settore agricolo, introducendo la nozione di compendio unico, inteso come l'estensione di terreno necessaria al raggiungimento del livello minimo di redditività determinato dai piani regionali di sviluppo rurale per l'erogazione del sostegno agli investimenti previsti dai regolamenti CE numeri 1257 e 1260 del 1999 e ss.mm..

Ratio Legis


Spiegazione dell'art. 577 Codice di procedura civile

Due sono i casi in cui non è possibile frazionare il bene in lotti:
  1. se l'immobile costituisce una unità colturale;
  2. se il frazionamento potrebbe impedire la razionale coltivazione.

Entrambe le ipotesi si riferiscono al concetto di minima unità culturale, di cui è espressione l’art. 846 del c.c., finalizzato ad individuare la estensione minima di un fondo idonea ad una razionale ed efficiente coltivazione agricola.

Massime relative all'art. 577 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 5947/1996

L'accertamento della comoda divisibilitÓ del bene, ai fini dello scioglimento della comunione, va operato a norma dell'art. 720 c.c., tenendo conto dell'aspetto economico, funzionale e materiale e non alla stregua della norma processuale dell'art. 577 c.p.c. che attiene alla semplice divisibilitÓ di beni immobili, costituenti un'astratta e non ancora definitiva unitÓ colturale e contiene, perci˛, un minus rispetto alla comoda divisibilitÓ prevista dalla norma sostantiva (art. 846 c.c.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!