Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1089 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Acqua impiegata come forza motrice

Dispositivo dell'art. 1089 Codice Civile

Chi ha diritto di servirsi dell'acqua come forza motrice(1) non può, senza espressa disposizione del titolo, impedirne o rallentarne il corso, procurandone il ribocco o ristagno.

Note

(1) Se l'acqua non viene usata come forza motrice, si applica l'art. 1048.

Spiegazione dell'art. 1089 Codice Civile

Diritto di impedire o rallentare il corso delle acque impiegate per forza motrice: dispositività della norma

La disposizione è chiara di per sè e non ha bisogna di commento. Evidentemente se, malgrado il divieto contenuto in essa, il titolare della servitù faccia delle opere o una qualunque innovazione che abbia per effetto l'infrazione di questa norma potrà essere convenuto dal proprietario del fondo servente per ottenere, oltre al risarcimento dei danni, anche la distruzione dell'opera e la rimessione in pristino

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto