Art. precedente Art. successivo

Articolo 431

Codice di Procedura Penale

Fascicolo per il dibattimento

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 431 Codice di Procedura Penale

1. Immediatamente dopo l'emissione del decreto che dispone il giudizio, il giudice provvede nel contraddittorio delle parti alla formazione del fascicolo per il dibattimento (2) (3). Se una delle parti ne fa richiesta il giudice fissa una nuova udienza, non oltre il termine di quindici giorni, per la formazione del fascicolo. Nel fascicolo per il dibattimento sono raccolti:
a) gli atti relativi alla procedibilità dell'azione penale (4) e all'esercizio dell'azione civile (5);
b) i verbali degli atti non ripetibilicompiuti dalla polizia giudiziaria;
c) i verbali degli atti non ripetibili compiuti dal pubblico ministeroe dal difensore (6);
d) i documenti acquisiti all'estero mediante rogatoria internazionale e i verbali degli atti non ripetibili assunti con le stesse modalità;
e) i verbali degli atti assunti nell'incidente probatorio;
f) i verbali degli atti, diversi da quelli previsti dalla lettera d), assunti all'estero a seguito di rogatoria internazionale ai quali i difensori sono stati posti in grado di assistere e di esercitare le facoltà loro consentite dalla legge italiana;
g) il certificato generale del casellario giudiziarioe gli altri documenti indicati nell'articolo 236 (7);
h) il corpo del reatoe le cose pertinenti al reato, qualora non debbano essere custoditi altrove.
2. Le parti possono concordare l'acquisizione al fascicolo per il dibattimento di atti contenuti nel fascicolo del pubblico ministero, nonché della documentazione relativa all'attività di investigazione difensiva (8).

Note

(2) Fino a quando non è formato il fascicolo per il dibattimento e questo è trasmesso alla cancelleria del giudice dibattimentale, il G.U.P., nonostante abbia disposto il rinvio a giudizio, rimane competente per l'adozione di tutti gli atti che fossero necessari (es.: applicazione, modifica o revoca di misure cautelari).

(3) Il fascicolo per il dibattimento è materialmente formato da atti contenuti nel fascicolo del P.M. a cui sono allegati gli atti di indagine, gli atti dell'eventuale incidente probatorio, gli atti dell'udienza preliminare, documentazione relativa all'attività di investigazione difensiva.
Sicché tutto quello che confluisce nel fascicolo per il dibattimento, viene portato alla cognizione immediata del giudice e potrà da questi essere utilizzato; tutto ciò che rimane nel fascicolo del P.M. sarà ignorato dal giudice, che potrà prenderne cognizione solo, eventualmente, attraverso contestazioni [es.: 500, 503 3] o letture [es.: 513, 515].

(4) Ad esempio, l'atto di querela [v. artt. 336 e ss.].

(5) Ad esempio, l'atto di costituzione di parte civile in udienza preliminare [v. 78].

(6) Le parole «e dal difensore» sono state aggiunte ex l. 7-12-2000, n. 397 (art. 15) (c.d. legge sulle indagini difensive). La norma integra l'elenco degli atti raccolti nel fascicolo del dibattimento (novità normativa da leggersi in relazione al disposto dell'art. 391decies, riguardo al regime di utilizzabilità degli atti irripetibili realizzati durante le indagini difensive). Si è, peraltro, censurato il riferimento esclusivo agli atti compiuti dal difensore, nei casi in cui il medesimo atto può essere compiuto anche dai suoi ausiliari, pur se l'apparente difetto tecnico della norma è ritenuto superabile ritenendola norma di sintesi, avuto riguardo alle dettagliate regole di acquisizione puntualmente dettate dall'art. 391decies.

(7) Sono documenti da cui si evince la personalità dell'imputato e, quindi, utilizzabili dal giudice dibattimentale, ad esempio, per l'eventuale applicazione della recidiva e per la graduazione della pena da irrogare.

(8) È la novità introdotta dalla l. 16 dicembre 1999, n. 479, infatti su accordo delle parti possono essere inseriti nel fascicolo per il dibattimento gli atti contenuti nel fascicolo del P.M. (diversi da quelli previsti nel comma 1), nonché della documentazione prevista relativa all'attività investigativa. Viene così a formarsi il cd. doppio fascicolo, quello per il dibattimento, formato in conformità all'art. 431; quello del P.M., dove rimangono conservati tutti gli atti delle i.p. e dell'u.p.


Ratio Legis

L'articolo in commento costituisce un punto di riferimento importante per comprendere la natura prevalentemente accusatoria del nostro rito penale. Il rito accusatorio, infatti, è incardinato sul principio dell'oralità e della formazione della prova al dibattimento. In seguito all'intervento della l. 16-12-1999, n. 49 la formazione del fascicolo per il dibattimento avviene in contraddittorio tra le parti e, sull'accordo delle parti, vi possono confluire gli atti di indagine svolti dal P.M. ma soprattutto la documentazione relativa all'attività di investigazione difensiva.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

L'interrogatorio investigativo. Disciplina giuridica e modalità operative

Pagine: 160
Data di pubblicazione: giugno 2010
Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

Se da un lato il progresso tecnologico mette continuamente a disposizione degli investigatori metodologie e strumenti che consentono di svolgere le indagini in modo sempre più rapido ed efficace, con risultati oggettivamente validi e incontrovertibili, enfatizzando troppo spesso l’indagine scientifica, dall’altro è da rilevare che un’inchiesta giudiziaria non può prescindere dall’acquisizione di informazioni e notizie, che non derivano... (continua)

Le indagini e l'udienza preliminare

Editore: Experta
Collana: Lex. Procedura penale
Data di pubblicazione: dicembre 2009
Prezzo: 38,00 -10% 34,20 €

Il testo - aggiornato alla sentenza 20 aprile 2009, n. 121, della Corte costituzionale in tema di esercizio dell'azione penale del pubblico ministero - offre un quadro esauriente della tematica in oggetto con l'ausilio di schemi esplicativi e un'attenzione particolare alla risoluzione delle questioni concrete rendendolo utile non solo per l'operatore del diritto, ma anche per lo studente universitario e per la preparazione dell'esame da avvocato. I temi trattati sono : le indagini... (continua)

Gli strumenti di controllo sulla sede dell'indagine

Autore: Camon Alberto
Editore: Giappichelli
Collana: Procedura penale. Studi
Data di pubblicazione: dicembre 2011
Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €

Il tema dei procedimenti diretti ad appurare che l’indagine sia portata avanti dal giusto ufficio è caratterizzato da due lacune: una sta nelle norme, l’altra nella teoria, ma risalgono entrambe all’illusione accusatoria che ha segnato la fine degli anni Ottanta. La convinzione che il cuore del processo penale sarebbe stato il dibattimento e che i momenti anteriori – meno importanti – potessero essere regolati secondo forme e garanzie poco stringenti,... (continua)

Le indagini preliminari della polizia giudiziaria e del pubblico ministero

Autore: Grilli Luigi
Editore: CEDAM
Collana: La biblioteca del penalista
Pagine: 722
Data di pubblicazione: aprile 2012
Prezzo: 66,00 -10% 59,40 €

L’Autore si è concentrato sulla ricostruzione della prima fase del procedimento penale, che inizia con la ricezione

della notitia criminis da parte della polizia giudiziaria o del pubblico ministero e termina quando quest’ultimo esercita

l’azione penale o ottiene dal giudice l’archiviazione richiesta.

La fase procedimentale non consente di regola il contraddittorio tra le parti, anche se prevede l’assistenza del difensore ad alcuni... (continua)

Indagini preliminari e udienza preliminare [volume 3]

Collana: Trattato di procedura penale
Pagine: 1056
Data di pubblicazione: ottobre 2009
Prezzo: 80,00 -10% 72,00 €

Il terzo volume del Trattato di Procedura Penale diretto dal Prof. Spangher è un commento al libro V del codice di procedura penale in tema di indagini preliminari e udienza preliminare: il volume, frutto dell’esperienza professionale e didattica degli Autori, fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice di Procedura Penale, senza trascurare l’analisi della giurisprudenza più significativa.

PIANO DELL’OPERA
(continua)

La circolazione di informazioni per le investigazioni penali nello spazio giuridico europeo

Autore: Troisi Paolo
Editore: CEDAM
Collana: Studi di diritto processuale penale
Pagine: 166
Data di pubblicazione: gennaio 2013
Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €
La ricostruzione del fatto nelle investigazioni penali

Editore: CEDAM
Collana: Problemi attuali della giustizia penale
Pagine: 268
Data di pubblicazione: giugno 2012
Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €

La fase investigativa risulta, oggi, sempre più rilevante per la ricostruzione del fatto; anche perché le nuove tecnologie, messe a disposizione dalla scienza, hanno radicalmente trasformato l’accertamento giudiziario, incrementando le possibilità di sviluppare le indagini. Queste, oramai, da un atto iniziale, progrediscono continuamente, e consentono di ricercare, acquisire, far interagire nuove conoscenze che incidono sulla dinamica investigativa, modificandone... (continua)

Le attività captative

Autore: Rizzo Alberto
Editore: Aracne
Collana: Diritto novità
Pagine: 216
Data di pubblicazione: luglio 2014
Prezzo: 14,00 -10% 12,60 €

Il testo affronta tutti gli aspetti che connotano le attività investigative di acquisizione di conversazioni, comunicazioni e immagini alla luce dei recenti approdi giurisprudenziali con uno sguardo alle prospettive di riforma ed alla disciplina dei principali paesi Europei e degli Stati Uniti.

(continua)
Rapporti tra Pubblico Ministero, polizia giudiziaria e difensore nelle indagini preliminari

Editore: Giuffrè
Collana: Teoria pratica diritto. Penale e process.
Data di pubblicazione: settembre 2013
Prezzo: 27,00 -10% 24,30 €

L'opera, arricchita dai più recenti riferimenti normativi e giurisprudenziali, presenta un quadro preciso e completo dei vari soggetti coinvolti nell'azione penale, delineando un impianto in forte sinergia, secondo il rispetto dei principi dell'obbligatorietà dell'azione penale, della disponibilità diretta e dipendenza funzionale della Polizia Giudiziaria nei confronti dell'Autorità Giudiziaria e dedicando ampia disamina anche al ruolo del difensore, parte in... (continua)

L' udienza preliminare e il contenimento dei tempi processuali

Editore: Giuffrè
Collana: Univ.Bari. Unità del sapere giuridico
Pagine: 184
Data di pubblicazione: dicembre 2009
Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €

SOMMARIO
Considerazioni introduttive (di V, Garofoli) - La legge 16 dicembre 1999, n. 479 e i risvolti funzionali sull'udienza preliminare (di C. Papagno) - L'attuale assetto normativo (di S. Morisco) - La presenza dell'imputato nell'ambito delle prerogative dell'Udienza preliminare (di S. Morisco) - La contumacia nell'udienza preliminare e questioni interpretative ancora aperte (di C. Papagno) - Analisi comparata del processo in absentia (di C. Papagno) - Il ruolo del danneggiato del... (continua)