Art. precedente Art. successivo

Articolo 278

Codice di Procedura Civile

Condanna generica. Provvisionale

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 278 Codice di Procedura Civile

Quando è già accertata la sussistenza di un diritto (1), ma è ancora controversa la quantità della prestazione dovuta, il collegio, su istanza di parte (2), può (3) limitarsi a pronunciare con sentenza la condanna generica alla prestazione, disponendo con ordinanza che il processo prosegua per la liquidazione (4).
In tal caso il collegio, con la stessa sentenza e sempre su istanza di parte, può altresì condannare il debitore al pagamento di una provvisionale, nei limiti della quantità per cui ritiene già raggiunta la prova (5).

Note

(1) La sentenza che decide l'an debeatur deve accertare l'illegittimità del comportamento di una delle parti, verificando sia l'esistenza, la validità e l'efficacia del fatto costitutivo del diritto, sia l'insussistenza di fatti estintivi, modificativi o impeditivi.
L'accertamento può essere meno rigido nei giudizi promossi per il risarcimento del danno: la giurisprudenza, seguendo un orientamento consolidato, ritiene possibile pronunciare sentenza di condanna generica anche se viene accertato un fatto solo potenzialmente produttivo del danno, sulla base di una valutazione anche di mera probabilità o verosimiglianza. La prova relativa all'esistenza del danno e alla sua reale entità è demandato alla successiva fase di liquidazione, ove il giudice potrà determinare l'ammontare del danno o, addirittura, negarne l'esistenza.

(2) Anche se parte della dottrina ha sostenuto che il giudice possa emettere la condanna generica d'ufficio, l'art. 278 richiede specificamente l'istanza di parte: l'emanazione d'ufficio, in effetti, implicherebbe la violazione del principio di corrispondenza fra chiesto e pronunciato (art. 112 del c.p.c.).
Non è, invece, richiesta l'adesione dell'altra parte se la liquidazione del quantum venga rinviata ad una successiva fase del giudizio.
La parte che richiede l'emissione di una sentenza non definitiva di condanna generica, in sede di rimessione della causa in decisione, ha comunque l'onere di formulare integralmente le proprie conclusioni e di indicare i mezzi di prova di cui intende valersi per la determinazione del quantum debeatur nella successiva fase di liquidazione.

(3) Il collegio non è certo obbligato a pronunciare la condanna generica: questa, infatti, rientra tra i suoi poteri discrezionali. Pertanto, il collegio, nonostante l'istanza di parte volta ad ottenere una tale condanna, potrebbe decidere su tutta la domanda (e quindi anche sull'an debeatur).

(4) Giurisprudenza dominante riconosce all'attore la facoltà di limitare la proposizione della domanda (quindi sin dall'inizio del processo) alla sola condanna generica, riservando la richiesta di determinazione del quantum debeatur ad un autonomo e separato giudizio. In questo caso, il giudice chiamato ad accertare l'an non potrebbe disporre la prosecuzione del medesimo giudizio per la liquidazione del quantum. Risulterebbe, inoltre, preclusa nel nuovo giudizio sul quantum la riproposizione di tutte le questioni già decise nel primo giudizio, indipendentemente dal passaggio in giudicato della sentenza.
La giurisprudenza riconosce, altresì, all'attore la facoltà di limitare successivamente, in corso di causa, la domanda alla richiesta di condanna generica, rinviando ad un autonomo e separato giudizio la liquidazione del quantum.
Quando la determinazione dell'ammontare della condanna debba essere rinviato ad un autonomo e separato giudizio è richiesto il consenso della controparte, cioè la sua mancata opposizione (che può desumersi anche dalla contumacia del convenuto).

(5) La condanna provvisionale, a differenza della condanna relativa al solo an, è una vera e propria sentenza di condanna e costituisce titolo esecutivo ex art. 474 del c.p.c..


Ratio Legis

L'articolo prevede una deroga al principio di concentrazione della decisione, in quanto consente di separare la decisione relativa alla sussistenza del diritto (an) da quella concernente l'ammontare della prestazione dovuta (quantum).

Brocardi collegati a questo articolo

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Diritto processuale civile
Il processo ordinario di cognizione

Editore: Giappichelli
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 46,00 -10% 41,40 €

Sommario

Premessa alla ventitreesima edizione. – Premessa alla ventiduesima edizione. – I. La disciplina del rito ordinario di cognizione nei suoi aspetti generali. – II. Il rito ordinario di cognizione. La fase introduttiva. – III. La fase di istruzione. – Sez. I: L’istruzione in senso ampio. – Sez. II: La comparizione e la trattazione. – Sez. III: L’intervento dei terzi. – Sez. IV: La rimessione della... (continua)

Le impugnazioni nel processo civile

Editore: Giuffrè
Collana: Teoria e pratica del diritto. Maior
Data di pubblicazione: maggio 2014
Prezzo: 54,00 -10% 48,60 €
Categorie: Appello, Cassazione

Il volume misura lo stato dell'arte, in continua evoluzione, del cantiere Giustizia, relativo alle impugnazioni civili, sottoponendo a disamina meticolosa i vari profili che ne occupano il non facile spazio. L'opera offre riferimenti certi per un approccio realistico alle tematiche che interessano la sfera dei mezzi impugnatori attraverso l'analisi dei più recenti approdi giurisprudenziali e dottrinali, sviluppando così una trattazione esaustiva tale da costituire un valido... (continua)

Istituzioni di diritto processuale civile
Il processo ordinario

Editore: Cacucci
Pagine: 536
Data di pubblicazione: maggio 2014
Prezzo: 42,00 -10% 37,80 €

Introduzione - Il processo di cognizione dal 1865 ad oggi. La Mediazione. L'instaurazione del processo. L'udienza di prima comparizione e le verifiche preliminari. La trattazione della causa e le preclusioni. La disciplina dell'intervento di terzi. Il giudice istruttore. L'istruzione probatoria. I singoli mezzi istruttorii. La conclusione del processo con decisione. La conclusione del processo senza decisione. Le ordinanze anticipatorie di condanna. Vicende particolari del processo. Il... (continua)

Spiegazioni di diritto processuale civile [vol. I]
Le tutele (di merito, sommarie ed esecutive) e il rapporto giuridico processuale

Editore: Giappichelli
Data di pubblicazione: ottobre 2014
Prezzo: 48,00 -10% 43,20 €
Le notificazioni nel processo civile. Orientamenti, annotazioni processuali e formule per gli adempimenti dell'avvocato

Editore: La Tribuna
Collana: Tribuna memo
Pagine: 222
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 27,00 -10% 24,30 €

La novità che contraddistingue quest'opera è la completezza, pure in punto di elaborazione teorica, nonché la compiuta analisi delle più variegate eventualità che possono prospettarsi nelle aule giudiziarie, compresi i procedimenti notificatori di nuovo conio, oggi sempre più utilizzati nelle aule giudiziarie. Il tutto non disgiunto da un taglio pratico che rende il volume particolarmente utile per avvocati, magistrati e ufficiali notificatori. Il... (continua)

Le novità in materia di impugnazioni. Atti dell'Incontro di studio (Firenze, 12 aprile 2013)

Pagine: 240
Data di pubblicazione: giugno 2014
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

RELAZIONI

Giampiero Balena, Le novità relative all’appello

Mauro Bove, Ancóra sul controllo della motivazione in Cassazione

Angelo Converso, Il filtro. La prassi delle Corti d’appello

INTERVENTI

Vittoria Barsotti

Girolamo Monteleone.

Andrea Graziosi.

Cinzia Gamba

Roberto Poli

Giuliano Scarselli

Antonio Carratta

Francesco P. Luiso

Gian Franco Ricci

(continua)
I termini del processo

Editore: Giuffrè
Collana: Officina. Civile e processo
Data di pubblicazione: giugno 2014
Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €

L'opera pone l'attenzione su: computo dei termini: a ritroso, liberi, dilatori, a decorrenza differita; ipotesi legali di decorrenza dei termini; decadenza e remissione quali conseguenze dell'inosservanza dei termini; provvedimenti modificativi dei termini a costituirsi e rinvii.

(continua)
Spiegazioni di diritto processuale civile [vol. II]
Il processo di primo grado e le impugnazioni delle sentenze

Editore: Giappichelli
Data di pubblicazione: ottobre 2014
Prezzo: 49,00 -10% 44,10 €
Manuale di ingegneria forense. Teoria e pratica della consulenza ingegneristica nel processo penale e civile

Pagine: 360
Data di pubblicazione: giugno 2014
Prezzo: 38,00 -10% 34,20 €

Un manuale per gli ingegneri che desiderano applicarsi alle consulenze giudiziali, una guida agli adempimenti che vanno dall'Iscrizione all'Albo dei consulenti tecnici, allo svolgimento degli incarichi nel rispetto della procedura, fino alla redazione della parcella, Al professionista vengono illustrati i principi di un'attività che non consiste nella semplice raccolta di dati materiali, ma nello studio e nell'elaborazione critica dei dati storici su base scientifica, nella ricerca... (continua)

Le prove civili

Editore: CEDAM
Collana: Manuali per la professione
Data di pubblicazione: ottobre 2014
Prezzo: 50,00 -10% 45,00 €
Categorie: Istruzione

Un volume operativo destinato ad avvocati e magistrati. Offre una ricostruzione del panorama giurisprudenziale analizzando il tema della prova in una chiave prevalentemente processuale.

La prima sezione analizza i singoli mezzi di prova nel procedimento di primo grado, nonché la prova nel giudizio di appello ed in quello di legittimità.

La seconda valorizza il tema della prova in funzione della particolare natura del diritto da tutelare. Si è analizzato... (continua)