Art. precedente Art. successivo

Articolo 190

Codice di Procedura Civile

Comparse conclusionali e memorie

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 190 Codice di Procedura Civile

Le comparse conclusionali debbono essere depositate (1) entro il termine perentorio di sessanta giorni dalla rimessione della causa al collegio e le memorie di replica entro i venti giorni successivi (2).
Per il deposito delle comparse conclusionali il giudice istruttore, quando rimette la causa al collegio, può fissare un termine più breve, comunque non inferiore a venti giorni.

Note

(1) Il deposito delle comparse conclusionali e delle memorie di replica avviene presso la cancelleria: vanni deposti un originale da inserire nel fascicolo di parte e le copie destinate alla controparte e al fascicolo d'ufficio.
Il deposito costituisce una facoltà delle parti e non un obbligo: il mancato deposito di tali atti non comporta alcuna conseguenza.

(2) I termini per lo scambio delle comparse conclusionali si calcolano con riferimento alla rimessione della causa al collegio.


risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Quesiti degli utenti che hanno ricevuto risposta dalla redazione di Brocardi.it

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it. Trattasi di quesiti per cui è stato richiesto il servizio di risposta a pagamento o che presentano particolare interesse giuridico in ragione del quale la redazione ha ritenuto di rispondere gratuitamente.

Quesito n. 8422/2013 mercoledì 10 luglio 2013

giuliano chiede

Cosa succede se ho depositato la comparsa conclusionale (art. 190 cpc) un giorno in ritardo rispetto al termine perentorio?

Parere legale online a cura della

redazione giuridica Brocardi.it

Risposta della redazione di Brocardi.it al quesito n. 8422/2013 [risposta gratuita]

Se la comparsa conclusionale (con il fascicolo di parte) sono stati depositati tardivamente, il giudice ometterà l'esame del fascicolo tardivamente restituito e dovrà decidere allo stato degli atti (v. Cass. civ. Sez. III, Sent., 3 maggio 2011, n. 9687). La sentenza successivamente emessa non sarà nulla.

Quesito n. 7892/2013 domenica 14 aprile 2013

bernardeso chiede

A partire da quale momento la parte può ritirare la copia della conclusionale della controparte e a lei destinata? E' necessario che abbia depositato la sua?

Parere legale online a cura della

redazione giuridica Brocardi.it

Risposta della redazione di Brocardi.it al quesito n. 7892/2013 [risposta gratuita]

Copia della comparsa conclusione della controparte viene depositata da questa, unitamente all'originale e alla copia per l'ufficio, entro il termine concesso dal giudice ai sensi dell'art. 190 del c.p.c.. E' irrilevante che sia stata o meno depositata la propria comparsa.
Ciascun tribunale segue una propria prassi nella consegna di tale copia alla parte cui è destinata, ma solitamente esse vengono immesse nell'apposita cassetta che l'avvocato di parte ha a disposizione presso quella autorità giudiziaria.

Quesito n. 6975/2012 mercoledì 7 novembre 2012

www chiede

Qualora il Giudice non disponga espressamente, a verbale, la concessione dei termini ex 190 cpc, essi si considerano comunque concessi, oppure il Giudice potrà direttamente decidere sulla base degli atti già depositati in precedenza?

Parere legale online a cura della

redazione giuridica Brocardi.it

Risposta della redazione di Brocardi.it al quesito n. 6975/2012 [risposta gratuita]

Se il giudice non ha concesso espressamente i termini di cui all'art. 190 del c.p.c., questi non possono intendersi concessi ugualmente.

Sul punto merita di essere ricordata la posizione della Corte di Cassazione, secondo la quale la mancata assegnazione dei termini per il deposito delle comparse conclusionali e delle memorie finali di replica costituisce motivo di nullità della conseguente sentenza, impedendo ai difensori delle parti di svolgere nella sua pienezza il diritto di difesa, con conseguente violazione del principio del contraddittorio (Cass. Civ., 6 marzo 2006, n. 4805).

Tuttavia, è bene segnalare anche una seconda pronuncia degli ermellini in tale ambito, Cass. 23 febbraio 2006, n. 4020, secondo la quale la mancata assegnazione alle parti del termine per lo scambio delle comparse conclusionali e delle memorie, o la pronunzia della sentenza prima della scadenza dei termini già assegnati, previsti dall'art. 190 c.p.c., non sono di per sé causa di nullità della sentenza stessa, essendo indispensabile, perché possa dirsi violato il principio del contraddittorio, che la irrituale conduzione del processo abbia prodotto in concreto una lesione del diritto di difesa; a tal fine, la parte deve dimostrare che l'impossibilità di assolvere all'onere del deposito delle comparse conclusionali e delle memorie di replica ha impedito alla difesa di svolgere ulteriori e rilevanti aggiunte o specificazioni a sostegno delle proprie domande e/o eccezioni rispetto a quanto già indicato nelle precedenti fasi del giudizio.

Tag: comparse conclusionali, memorie di replica, mancata concessione

Quesito n. 2325/2011 martedì 8 febbraio 2011

chiede

Dopo il deposito delle conclusionale e memorie di replica è possibile depositare un atto aggiuntivo?

Parere legale online a cura della

redazione giuridica Brocardi.it

Risposta della redazione di Brocardi.it al quesito n. 2325/2011 [risposta gratuita]

L'art. 190 del c.p.c. dispone che il termine per il deposito delle comparse conclusionali e memorie di replica decorre a partire dalla rimessione della decisione al collegio da parte del giudice istruttore. Ciò significa che, una volta scambiate le comparse e le repliche, il processo entra nella fase decisoria e alle parti è preclusa ogni ulteriore difesa scritta.

risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Presunzioni giurisprudenziali e riparto dell'onere probatorio

Autore: Benigni Elena
Editore: Giappichelli
Pagine: 240
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €
Categorie: Istruzione

Sommario

Introduzione. – I. Il diritto alla rappresentazione dei fatti nel processo. – II. Dal diritto alla prova all’onere della prova quale regola di giudizio. – III. La distribuzione dell’onere probatorio nel processo. Il dato normativo e la tutela del diritto alla prova. – IV. Le convenzioni sull’onere della prova . – V. La presunzione giurisprudenziale e la “difficoltà a provare” nel processo.... (continua)

Diritto processuale civile
Il processo ordinario di cognizione

Editore: Giappichelli
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 46,00 -10% 41,40 €

Sommario

Premessa alla ventitreesima edizione. – Premessa alla ventiduesima edizione. – I. La disciplina del rito ordinario di cognizione nei suoi aspetti generali. – II. Il rito ordinario di cognizione. La fase introduttiva. – III. La fase di istruzione. – Sez. I: L’istruzione in senso ampio. – Sez. II: La comparizione e la trattazione. – Sez. III: L’intervento dei terzi. – Sez. IV: La rimessione della... (continua)

Le notificazioni nel processo civile. Orientamenti, annotazioni processuali e formule per gli adempimenti dell'avvocato

Editore: La Tribuna
Collana: Tribuna memo
Pagine: 222
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 27,00 -10% 24,30 €

La novità che contraddistingue quest'opera è la completezza, pure in punto di elaborazione teorica, nonché la compiuta analisi delle più variegate eventualità che possono prospettarsi nelle aule giudiziarie, compresi i procedimenti notificatori di nuovo conio, oggi sempre più utilizzati nelle aule giudiziarie. Il tutto non disgiunto da un taglio pratico che rende il volume particolarmente utile per avvocati, magistrati e ufficiali notificatori. Il... (continua)

Le prove informatiche nel processo civile

Collana: Diritto e professione
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Prezzo: 40,00 -10% 36,00 €

Il volume tratta il fenomeno delle prove informatiche nel processo civile, ormai trasversale a quasi tutte le attività giudiziali. Oltre alle più tradizionali questioni circa il documento informatico, le firme elettroniche e l'utilizzo dell'informatica per illeciti tradizionali compiuti attraverso mezzi digitali, gli influssi dell'informatica sul diritto stimolano nuove e ormai più ricorrenti sfide giudiziali: si pensi ad un risarcimento danni per incidente stradale... (continua)

I casi di filtro in appello

Autore: Mocci Mauro
Collana: Casi risolti nel diritto
Pagine: 200
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €
Categorie: Appello

L'opera, aggiornata alla recente giurisprudenza, tratta nel dettaglio le particolarità di questo nuovo istituto introdotto per filtrare le eventuali cause di appello. Dopo l'inquadramento dell'istituto e il commento delle implementazioni a livello procedurale sia per il magistrato che per l'avvocato, si passano in rassegna alcune pronunce che illustrano le particolarità nella struttura dell'atto e soprattutto le considerazioni del magistrato preposto a valutare... (continua)

Il filtro dell'appello. Saggi, materiali e provvedimenti

Collana: Focus
Data di pubblicazione: novembre 2013
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €
Categorie: Appello

Dal settembre 2012 il nostro processo civile conosce un nuovo istituto: il filtro in appello. Il libro offre non soltanto una ricostruzione teorico-critica dei nuovi artt. 348-b/s e 348-ter c.p.c. (scritti in un linguaggio che non risulta perspicuo né di agevole esegesi), ma anche la vivida rappresentazione di quel ch'è avvenuto nei palazzi di giustizia, nella vita degli operatori del diritto che s'avvicinano titubanti e circospetti a codesto misterioso filtro e degli... (continua)

Delle presunzioni. Artt. 2727-2729

Editore: Giuffrè
Collana: Il codice civile. Commentario
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 34,00 -10% 30,60 €
Categorie: Presunzioni

L'opera presenta una lettura interdisciplinare del tema delle presunzioni, che analizza, anzitutto nei suoi fondamenti teoretici e, quindi, nei contenuti istituzionali. Una particolare attenzione è dedicata alla dimensione processuale dell'istituto, rispetto alla quale i recenti interventi legislativi, operati nel segno della ragionevole durata del processo, mettono alla luce gli aspetti di maggiore criticità. L'ultima parte è dedicata alla prove atipiche, che, delle... (continua)

Il risarcimento del danno da «lite temeraria»

Editore: Giuffrè
Collana: Orientamenti di merito
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €

Il volume analizza l'istituto della responsabilità processuale aggravata, quale presidio deflattivo fondamentale contro l'inutile aggravio che un processo ingiusto causa al sistema giudiziario. Al fine di dissuadere comportamenti temerari, la condanna al risarcimento dei danni diviene, infatti, lo strumento operativo per coniugare il diritto di far valere le proprie ragioni innanzi ad un Tribunale, con l'esigenza di evitare che l'eccessivo carico del ruolo possa mettere a... (continua)

Diritto processuale civile
Nozioni introduttive e disposizioni generali

Editore: Giappichelli
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 42,00 -10% 37,80 €

Sommario

Premessa alla ventitreesima edizione. – Premessa alla ventiduesima edizione. – I. L’attività giurisdizionale. – II. Il processo e i suoi requisiti. – III. La situazione giuridica globale del soggetto che chiede la tutela: l’azione. – IV. La situazione giuridica globale del soggetto che presta la tutela: il dovere decisorio del giudice e i suoi limiti. – V. La situazione giuridica globale del soggetto... (continua)

Spiegazioni di diritto processuale civile
Il processo di primo grado e le impugnazioni delle sentenze

Editore: Giappichelli
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 40,00 -10% 36,00 €

Come ormai di consueto, anche questa nuova, ottava, edizione delle Spiegazioni (la seconda per la Giappichelli) esce a due anni di distanza dalla precedente. Due anni ricchi di interventi legislativi, non sempre puntuali e organici (pur fermo il timido tentativo operato dal d.lgs. n. 150/2011 sulla razionalizzazione dei riti), dei quali il testo tiene conto, cercando di contemperare il necessario aggiornamento alle novità legislative con la sua organicità e la sua formula... (continua)