Art. precedente Art. successivo

Articolo 1427

Codice Civile

Errore, violenza, e dolo

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 1427 Codice Civile

Il contraente, il cui consenso fu dato per errore, estorto con violenzao carpito con dolo, può chiedere l'annullamentodel contratto [1441 ss.] secondo le disposizioni seguenti.


Ratio Legis

La ratio dell'annullabilità del contratto si trova nell'esigenza di tutelare un soggetto che non ha manifestato la volontà in modo libero e consapevole.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 16663/2008

La differenza ontologica esistente tra la figura dell'errore, in cui la falsa rappresentazione della realtà che inficia il processo di formazione della volontà è endogena alla volontà stessa, e quella del dolo, in cui essa è esogena, in quanto riconducibile alla condotta dell'altro contraente, non impedisce la coeva deduzione di entrambi i vizi a sostegno della domanda di annullamento del contratto, ma impone l'adozione di distinte modalità nella disamina delle emergenze probatorie acquisite, nel senso che, mentre nel caso dell'errore l'accertamento dev'essere condotto con riferimento alla condotta della parte che ne è vittima, verificando se il vizio abbia inciso sul processo formativo della sua volontà, dando origine ad una falsa rappresentazione che l'ha indotta a concludere il contratto, nel caso del dolo occorre accertare la condotta tenuta dal deceptor e le conseguenze da essa prodotte sul deceptus verificando se la condotta commissiva od omissiva del primo abbia procurato la falsa rappresentazione della realtà che ha determinato il secondo alla contrattazione, inducendo nel processo formativo della sua volontà un errore avente carattere essenziale, ferma restando la possibilità per il deceptor di provare che la controparte era a conoscenza dei fatti addebitati alla sua condotta maliziosa o che avrebbe potuto conoscerli usando la normale diligenza.

Cass. n. 22900/2005

La domanda di annullamento di un contratto fondata sulla contestuale allegazione dei vizi di errore, dolo e violenza si rende inammissibile, stante l'inconciliabilità dei rispettivi elementi costitutivi, perché la falsa rappresentazione della realtà che ha indotto la parte alla conclusione e del contratto nell'errore è endogena, mentre nel caso di dolo è esogena. Nel caso, poi, di violenza psichica, non sussiste alcuna falsa rappresentazione della realtà del dichiarante, il quale invece la percepisce correttamente nella sua effettività a lui sfavorevole, e tuttavia l'accetta sotto la pressione della minaccia; quindi l'elemento costitutivo di questo vizio della volontà esclude quello degli altri due.

Cass. n. 17902/2004

Stante la natura negoziale dell'accordo che dà sostanza e fondamento alla separazione consensuale tra coniugi, e non essendo ravvisabile, nell'atto di omologazione, una funzione sostituiva o integrativa della volontà delle parti, ma rappresentando la procedura ed il decreto di omologazione condizioni di efficacia del sottostante accordo tra i coniugi (salvo che per quanto riguarda i patti relativi all'affidamento ed al mantenimento dei figli minorenni, sui quali il giudice è dotato di un potere d'intervento piú penetrante), deve ritenersi ammissibile l'azione di annullamento della separazione consensuale omologata per vizi della volontà, la cui esperibilità — non limitata alla materia contrattuale, ma estensibile ai negozi relativi a rapporti giuridici non patrimoniali, genus cui appartengono quelli di diritto familiare — presidia la validità del consenso come effetto del libero incontro della volontà delle parti.

Cass. n. 10815/2004

La parte che deduce di essere incorsa in un errore di fatto sulla natura di un contratto e ne chiede l'annullamento deve indicare quale altro contratto intendeva concludere, mentre per l'errore sull'oggetto deve dimostrare che l'errore cade sull'identità di esso. Essa inoltre ha l'onere di dimostrare l'essenzialità dell'errore e la sua riconoscibilità dalla controparte con l'uso dell'ordinaria diligenza.

Cass. n. 5313/2003

In tema di contratti, le domande giudiziali di annullamento e di risoluzione possono essere proposte in via alternativa perché, sebbene entrambe aventi ad oggetto lo scioglimento di un vincolo giuridico, sono affidate ad azioni distinte e basate su presupposti diversi, tuttavia non possono essere considerate tra loro incompatibili in base al principio logico di non contraddizione. Ne consegue che la scelta tra l'azione di annullamento e quella di risoluzione di un contratto o anche del loro esercizio alternativo nel processo rientra nel potere discrezionale della parte.

Cass. n. 2104/2003

Poichè le cause di annullamento del contratto per vizio della volontà concretano fattispecie distinte, da cui scaturiscono autonome azioni di impugnativa negoziale, si ha mutamento della causa petendi, con conseguente formulazione di una domanda nuova, preclusa in appello nel processo del lavoro, allorquando, domandato inizialmente l'annullamento di un contratto sulla base del dolo, si formuli domanda fondata sull'errore, introducendo un nuovo tema di indagine e di decisione.

Cass. n. 1151/1976

L'azione di annullamento del contratto per errore e quella di risoluzione per difetto di qualità promesse o essenziali per l'uso cui la cosa venduta è destinata sono istituti del tutto autonomi, rispetto ai quali non sussiste alcun rapporto di incompatibilità o di reciproca esclusione, concernendo la prima azione il momento formativo del contratto e la validità di esso fin dal suo sorgere, mentre la seconda riguarda il profilo funzionale della cosa ed attiene all'inadempimento del venditore all'obbligo di trasferire al compratore la cosa alienata con le qualità promesse ed essenziali all'uso cui è destinata. Pertanto, promossa l'azione di risoluzione per mancanza di una qualità essenziale, nulla impedisce di proporre, in via subordinata, anche l'azione di annullamento per errore, sotto il profilo che la falsa rappresentazione della realtà possa esser caduta sull'esistenza, semplicemente supposta o anche espressamente promessa, delle qualità anzidette, incidendo in modo determinante, sulla prestazione del consenso.

Cass. n. 3504/1975

Qualora la cosa venduta sia gravata da oneri o da diritti di terzi di cui il compratore non aveva conoscenza, questi può esercitare le azioni di garanzia previste specificamente per la vendita dagli artt. 1484 e 1489 c.c., ma non l'azione di annullamento per errore, prevista per il contratto in genere dall'art. 1427 c.c., ostandovi il principio di specialità.

Cass. sez. un. n. 1247/1973

In sede contenziosa può ottenersi l'annullamento di un contratto, adducendo a motivo l'esistenza di un vizio del provvedimento di volontaria giurisdizione che lo ha autorizzato. La controversia in ordine alla natura di detto vizio ed ai poteri del giudice del contenzioso non dà luogo ad una questione di giurisdizione.

Cass. n. 84/1970

Il negozio di accertamento non è annullabile per errore di fatto quando tale errore non incida sul processo formativo della volontà espressa da una delle parti, ma sull'estensione dei rispettivi diritti derivanti dalla incerta situazione giuridica preesistente che le stesse parti vollero sottrarre, con l'accertamento convenzionale, ad ogni futu­ra controversia.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Dolo generale e regole di correttezza

Editore: CEDAM
Collana: Il giurista europeo
Pagine: 144
Data di pubblicazione: dicembre 2010
Prezzo: 15,00 -10% 13,50 €
Categorie: Dolo

Il volume si occupa del grande istituto del dolo generale.L’autrice affronta molti argomenti di approfondimento, tra cui: il contratto autonomo di garanzia, l’eccezione di dolo generale, l’actio de dolo malo e il risarcimento per fatto illecito, il dolo colposo nel diritto romano.Questi istituti vengono esaminati per il presente, muovendo sempre dalle loro radici nel diritto romano e creando parallelismi utili per l’approfondimento della materia.

(continua)
I vizi della cosa venduta nella dottrina dell'errore. Il problema dell'inesatto adempimento

Autore: Grassi Ugo
Collana: Univ. Napoli
Pagine: 302
Data di pubblicazione: dicembre 1996
Prezzo: 24,79 -10% 22,31 €
Categorie: Inadempimento, Errore
I vizi del consenso

Collana: Diritto e professione
Data di pubblicazione: maggio 2013
Prezzo: 48,00 -10% 43,20 €
Categorie: Vizi del volere

L’opera è uno strumento completo di analisi degli istituti in materia di vizi della volontà e dell’incidenza degli stessi nei rapporti contrattuali. Gli operatori del diritto potranno disporre di una guida precisa e puntuale degli istituti trattati, sulla base della giurisprudenza più recente e degli indirizzi espressi dalla dottrina più autorevole. L’attenzione è stata incentrata sull’analisi delle conseguenze dei vizi del... (continua)

Il dolo

Editore: Giappichelli
Collana: Univ.Perugia-Dip. diritto pubblico
Pagine: 736
Data di pubblicazione: settembre 2010
Prezzo: 75,00 -10% 67,50 €
Categorie: Dolo
Dolo incidente e regole di correttezza

Collana: Univ. Sannio-Sez. giuridico-sociale
Pagine: 232
Data di pubblicazione: febbraio 2010
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €
Categorie: Dolo
La dicotomia minaccia-timore nell'atto giuridico

Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
Pagine: 128
Data di pubblicazione: dicembre 2009
Prezzo: 14,00 -10% 12,60 €
Categorie: Violenza
Eccezione di dolo generale. Applicazioni giurisprudenziali e teoriche dottrinali

Editore: CEDAM
Pagine: 494
Data di pubblicazione: dicembre 2006
Prezzo: 41,00 -10% 36,90 €
Categorie: Dolo