Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1427

Codice Civile

Errore, violenza, e dolo

Dispositivo dell'art. 1427 Codice Civile

Il contraente, il cui consenso fu dato per errore, estorto con violenza o carpito con dolo, può chiedere l'annullamento del contratto [1441 ss.] secondo le disposizioni seguenti.

Ratio Legis

La tutela del soggetto si giustifica con il fatto che la sua volontà non si è formata correttamente ma in modo viziato.

Brocardi

Actio de dolo
Deceptor
Deceptus
Errantis consensus nullus est
Errantis nulla voluntas est
Error litigatorum non habet consensum
Nihil consensui tam contrarium est quam vis atque metus
Vi factum id videtur esse, qua de re quis cum prohibetur fecit

Spiegazione dell'Articolo 1427 del Codice Civile

Nozione e sistemazione dei vizi della volontà

In questa sezione viene regolata l'altra classica causa di annullabilità del contratto, i vizi della volizione, impropriamente denominati vizi del consenso.

La volontà è viziata quando è accompagnata da determinati fatti, valutati negativamente dal legislatore, in assenza dei quali essa non si sarebbe determinata o si sarebbe determinata a condizioni diverse; nel caso di vizi della volontà non si ha pertanto una mancanza attuale della volontà, ma una mancanza ipotetica o, se si vuole, una divergenza tra la volontà attuale e la volontà ipotetica. Questo concetto si trova già in un noto passo delle fonti romane: «Si metu coactus adii hereditatem, puto me heredem effici, quia quamvis si liberum esset noluissem, tamen coactus volui» (Paolo, fr. 21 § 5, D. 4, 2; .cfr. anche fr. 22 D. 23, 2), che passò nel famoso brocardo: coacta voluntas tamen voluntas est.

Nella individuazione dei singoli vizi della volontà il codice segue l'elencazione tradizionale, distinguendo tre vizi l'errore, il dolo, la violenza. Questa elencazione è difettosa ed incompleta. Difettosa, perché la violenza ed il dolo non possono essere collocati sullo stesso piano dell'errore; mentre l'errore è un fatto psicologico del soggetto della volontà — cioè un vizio della medesima — il dolo e la violenza sono fatti mate-riali di soggetti diversi, i quali causano un particolare stato psicologico del soggetto della volizione e precisamente, trattandosi di dolo, l'errore del contraente, e, trattandosi di violenza, il timore del contraente. Pertanto in una sistemazione più rigorosa si deve parlare di errore spontaneo, di errore provocato da dolo e di timore causato da violenza. La elencazione è inoltre incompleta, perché alle ipotesi ivi previste sono da aggiungersi per l'attuale ordinamento positivo le ipotesi del timore causato dallo stato di pericolo (art. 1447 cod. civ.), del timore causato dallo stato di bisogno (art. 1448 cod. civ.) e delle anormali condizioni mentali del contraente che viziano la volontà senza escluderla (art. 1425, 1°comma, cod. civ.; v. retro).

L’errore. Nozione e specie: errore ostativo ed errore vizio. Errore di diritto ed errore di fatto.

Errore in genere è una falsa rappresentazione o una ignoranza della realtà. Se questa falsa conoscenza incide sul processo formativo della volontà del risultato che le parti intendono raggiungere con la conclusione del contratto (intento), per modo che il soggetto ha voluto, ma non avrebbe voluto se non fosse incorso in errore, si ha la figura dell'errore-vizio o errore-motivo, il quale non altera la corrispondenza tra volontà e dichiarazione. Se invece la falsa rappresentazione opera quando la volontà del risultato che le parti intendono raggiungere con la conclusione del contratto si è già formata e senza alcun vizio, producendo una divergenza tra la volontà del contenuto materiale della dichiarazione e la volontà del significato oggettivo della dichiarazione, allora si ha la figura dell'errore sulla dichiarazione, detto anche, dalla dottrina del codice abrogato, errore ostacolo od errore ostativo (della formazione del contratto).

Poiché di regola l’intento non diverge dalla volontà del significato oggettivo della dichiarazione e quest'ultima volontà dalla dichiarazione, l'errore sulla dichiarazione importa nella quasi totalità dei casi una divergenza tra volizione e dichiarazione; pero può anche darsi che, combinandosi l'errore ostativo, ad esempio, con la riserva mentale, non consegua alcuna divergenza tra volizione e dichiarazione.

Data la sostanziale differenza tra errore vizio ed errore ostativo, il quale ultimo è tutt'altra cosa che un vizio della volontà, non si comprende perché il nuovo legislatore, invece di trattare in una sezione a sè stante dell'errore ostativo, non solo abbia disciplinato questa figura nella sezione dei vizi del consenso, ma, come vedremo più avanti, abbia addirittura nell'art. 1429, dedicato all'errore vizio, trattato promiscuamente dell'una e dell'altra specie di errore. Questa inesatta sistematica non può essere giustificata dal fatto che il nuovo legislatore, innovando profondamente rispetto al codice abrogato, ha attribuito all'errore ostativo la stessa rilevanza dell'errore-vizio, e cioè la semplice annullabilità anziché la nullità del contratto, giacché la identità della considerazione normativa non elimina la diversità delle fattispecie a cui tale considerazione si riferisce.

Un'altra distinzione in tema di errore è quella tra errore di diritto, consistente in una falsa rappresentazione di una norma giuridica ed errore di latto, consistente in una falsa rappresentazione di una realtà diversa (v. infra, pag. 715 e segg.).

Errore sugli elementi costitutivi del contratto ed errore nel motivo

Tenendo presente l'oggetto su cui cade l'errore, vien fatto di distinguere tra errore sugli elementi costitutivi del contratto o sull'oggetto, in senso ampio, del contratto ed errore su elementi estranei al contenuto del contratto. L'errore sugli elementi costitutivi del contratto viene poi distinto dalla dottrina, in relazione al più specifico oggetto dell'errore, nelle sottospecie dell'errore sull'oggetto in senso stretto del contratto, che può essere errore sull'identità fisica dell'oggetto o errore sulle qualità dell'oggetto (sulla qualità in senso specifico o sulla quantità), ed errore sul soggetto, che può essere errore sull'identità del soggetto o sulle qualità del soggetto. L'errore su elementi estranei al contenuto del contratto comprende essenzialmente le due figure del cosidetto errore sul motivo o, per meglio dire, errore nel motivo e dell'errore nei presupposti condizionali.

L'errore nel motivo si presenta come una specie autonoma di errore vizio, per quanto a prima vista possa sembrare, e l'equivoco è frequente in dottrina, che ogni errore vizio si risolva in un errore nel motivo. Se Tizio incaricato dall'amico Caio di comprargli un anello d'oro gli compra un anello indorato, credendolo d'oro, Tizio non è caduto in un errore nel motivo, ma in un errore sull'oggetto del contratto, né questo errore diventa un errore nel motivo per il fatto che se Tizio avesse saputo che l'anello non era d'oro, non l'avrebbe comprato; il motivo che ha spinto Tizio a comprare l'anello è il desiderio di rendere un servigio all'amico e questo motivo, se effettivamente l'incarico gli fu dato, non è erroneo; l'errore sulla qualità dell'oggetto è solo una causa che ha impedito il formarsi di un'ulteriore rappresentazione, la quale, neutralizzando il motivo, avrebbe impedito la conclusione del contratto. Se invece Tizio compra un anello d'oro nell'erronea cre­denza che un amico gli abbia conferito quest'incarico, allora si ha un vero errore nel motivo.

Diverso dall'errore nel motivo, pur rientrando insieme ad esso nella figura dell'errore su elementi estranei al contenuto del contratto, sembra essere l'errore nella presupposizione condizionale. La figura dell'errore nella presupposizione condizionale, il quale impedisce che sorga un ostacolo alla formazione della volontà come l'errore sul contenuto del contratto, ma da questo divergerebbe per il suo diverso oggetto, ricorre ad esempio, per non ricordare che alcune ipotesi classiche, nel caso di colui che acquista un immobile ignorando che è in corso di emanazione un decreto di requisizione dello stesso, di colui che acquista una farmacia credendo che la polizia abbia già concesso o concederà l’apertura al nuovo titolare.

Considerando la posizione del contraente che non è in errore si prospetta la distinzione fondamentale tra errore non provocato dai raggiri dell’altro contraente o dai raggiri di un terzo, ma conosciuti o conoscibili dall’altro contraente (più brevemente errore spontaneo) ed errore provocato da detti raggiri. Quest’ultimo tipo di errore costituisce quella fattispecie che viene tradizionalmente denominata dolo in senso ampio e di cui diremo più avanti, in relazione alla trattazione distinta che ne fa il legislatore. Nel campo dell'errore spontaneo, considerando l'influenza dell'errore sulla determinazione volitiva del contraente, si può distinguere, parallelamente a quanto si fa nel campo dell'errore provocato, ove però la distinzione assume un maggiore rilievo, tra errore causale o determinante, che è quell'errore nell'assenza del quale il soggetto non avrebbe in alcun modo contrattato, ed errore incidentale, che è quell'errore nell'assenza del quale il soggetto avrebbe concluso ugualmente il contratto, ma a contenuto o modalità diverse (art. 1432 cod. civ.).

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 16663/2008

La differenza ontologica esistente tra la figura dell'errore, in cui la falsa rappresentazione della realtà che inficia il processo di formazione della volontà è endogena alla volontà stessa, e quella del dolo, in cui essa è esogena, in quanto riconducibile alla condotta dell'altro contraente, non impedisce la coeva deduzione di entrambi i vizi a sostegno della domanda di annullamento del contratto, ma impone l'adozione di distinte modalità nella disamina delle emergenze probatorie acquisite, nel senso che, mentre nel caso dell'errore l'accertamento dev'essere condotto con riferimento alla condotta della parte che ne è vittima, verificando se il vizio abbia inciso sul processo formativo della sua volontà, dando origine ad una falsa rappresentazione che l'ha indotta a concludere il contratto, nel caso del dolo occorre accertare la condotta tenuta dal deceptor e le conseguenze da essa prodotte sul deceptus verificando se la condotta commissiva od omissiva del primo abbia procurato la falsa rappresentazione della realtà che ha determinato il secondo alla contrattazione, inducendo nel processo formativo della sua volontà un errore avente carattere essenziale, ferma restando la possibilità per il deceptor di provare che la controparte era a conoscenza dei fatti addebitati alla sua condotta maliziosa o che avrebbe potuto conoscerli usando la normale diligenza.

Cass. n. 22900/2005

La domanda di annullamento di un contratto fondata sulla contestuale allegazione dei vizi di errore, dolo e violenza si rende inammissibile, stante l'inconciliabilità dei rispettivi elementi costitutivi, perché la falsa rappresentazione della realtà che ha indotto la parte alla conclusione e del contratto nell'errore è endogena, mentre nel caso di dolo è esogena. Nel caso, poi, di violenza psichica, non sussiste alcuna falsa rappresentazione della realtà del dichiarante, il quale invece la percepisce correttamente nella sua effettività a lui sfavorevole, e tuttavia l'accetta sotto la pressione della minaccia; quindi l'elemento costitutivo di questo vizio della volontà esclude quello degli altri due.

Cass. n. 17902/2004

Stante la natura negoziale dell'accordo che dà sostanza e fondamento alla separazione consensuale tra coniugi, e non essendo ravvisabile, nell'atto di omologazione, una funzione sostituiva o integrativa della volontà delle parti, ma rappresentando la procedura ed il decreto di omologazione condizioni di efficacia del sottostante accordo tra i coniugi (salvo che per quanto riguarda i patti relativi all'affidamento ed al mantenimento dei figli minorenni, sui quali il giudice è dotato di un potere d'intervento piú penetrante), deve ritenersi ammissibile l'azione di annullamento della separazione consensuale omologata per vizi della volontà, la cui esperibilità — non limitata alla materia contrattuale, ma estensibile ai negozi relativi a rapporti giuridici non patrimoniali, genus cui appartengono quelli di diritto familiare — presidia la validità del consenso come effetto del libero incontro della volontà delle parti.

Cass. n. 10815/2004

La parte che deduce di essere incorsa in un errore di fatto sulla natura di un contratto e ne chiede l'annullamento deve indicare quale altro contratto intendeva concludere, mentre per l'errore sull'oggetto deve dimostrare che l'errore cade sull'identità di esso. Essa inoltre ha l'onere di dimostrare l'essenzialità dell'errore e la sua riconoscibilità dalla controparte con l'uso dell'ordinaria diligenza.

Cass. n. 5313/2003

In tema di contratti, le domande giudiziali di annullamento e di risoluzione possono essere proposte in via alternativa perché, sebbene entrambe aventi ad oggetto lo scioglimento di un vincolo giuridico, sono affidate ad azioni distinte e basate su presupposti diversi, tuttavia non possono essere considerate tra loro incompatibili in base al principio logico di non contraddizione. Ne consegue che la scelta tra l'azione di annullamento e quella di risoluzione di un contratto o anche del loro esercizio alternativo nel processo rientra nel potere discrezionale della parte.

Cass. n. 2104/2003

Poichè le cause di annullamento del contratto per vizio della volontà concretano fattispecie distinte, da cui scaturiscono autonome azioni di impugnativa negoziale, si ha mutamento della causa petendi, con conseguente formulazione di una domanda nuova, preclusa in appello nel processo del lavoro, allorquando, domandato inizialmente l'annullamento di un contratto sulla base del dolo, si formuli domanda fondata sull'errore, introducendo un nuovo tema di indagine e di decisione.

Cass. n. 1151/1976

L'azione di annullamento del contratto per errore e quella di risoluzione per difetto di qualità promesse o essenziali per l'uso cui la cosa venduta è destinata sono istituti del tutto autonomi, rispetto ai quali non sussiste alcun rapporto di incompatibilità o di reciproca esclusione, concernendo la prima azione il momento formativo del contratto e la validità di esso fin dal suo sorgere, mentre la seconda riguarda il profilo funzionale della cosa ed attiene all'inadempimento del venditore all'obbligo di trasferire al compratore la cosa alienata con le qualità promesse ed essenziali all'uso cui è destinata. Pertanto, promossa l'azione di risoluzione per mancanza di una qualità essenziale, nulla impedisce di proporre, in via subordinata, anche l'azione di annullamento per errore, sotto il profilo che la falsa rappresentazione della realtà possa esser caduta sull'esistenza, semplicemente supposta o anche espressamente promessa, delle qualità anzidette, incidendo in modo determinante, sulla prestazione del consenso.

Cass. n. 3504/1975

Qualora la cosa venduta sia gravata da oneri o da diritti di terzi di cui il compratore non aveva conoscenza, questi può esercitare le azioni di garanzia previste specificamente per la vendita dagli artt. 1484 e 1489 c.c., ma non l'azione di annullamento per errore, prevista per il contratto in genere dall'art. 1427 c.c., ostandovi il principio di specialità.

Cass. sez. un. n. 1247/1973

In sede contenziosa può ottenersi l'annullamento di un contratto, adducendo a motivo l'esistenza di un vizio del provvedimento di volontaria giurisdizione che lo ha autorizzato. La controversia in ordine alla natura di detto vizio ed ai poteri del giudice del contenzioso non dà luogo ad una questione di giurisdizione.

Cass. n. 84/1970

Il negozio di accertamento non è annullabile per errore di fatto quando tale errore non incida sul processo formativo della volontà espressa da una delle parti, ma sull'estensione dei rispettivi diritti derivanti dalla incerta situazione giuridica preesistente che le stesse parti vollero sottrarre, con l'accertamento convenzionale, ad ogni futu­ra controversia.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo