Art. precedente Art. successivo

Articolo 1390

Codice Civile

Vizi della volontà

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 1390 Codice Civile

Il contratto è annullabile se è viziata la volontà del rappresentante (1). Quando però il vizio riguarda elementi predeterminati dal rappresentato, il contratto è annullabile solo se era viziata la volontà di questo (2).

Note

(1) Poiché il rappresentante non si limita, come il nuncius, a trasmettere la volontà del rappresentato, ma collabora attivamente al formarsi di questa, la legge stabilisce che il contratto è annullabile qualora la volontà manifestata dal rappresentante risulti viziata.

(2) È chiaro, quindi, che quando si tratta di elementi del contratto predeterminati dal rappresentato non è rilevante la volontà del rappresentante, che riguardo a quegli elementi non ha alcun potere di decisione. In tal caso, il contratto è annullabile solo quando risulta viziata la volontà del rappresentato: ad esempio è rilevante l'errore in cui è incorso il rappresentato che ha fatto comprare dal rappresentante un terreno nella convinzione che questo fosse edificabile.


risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Falsus procurator. Ricerche sull'evoluzione del concetto di falso rappresentante

Editore: Cacucci
Collana: Univ. LUM Jean Monnet. Serie giuridica
Pagine: 224
Data di pubblicazione: dicembre 2012
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €
Categorie: Rappresentanza