Art. precedente Art. successivo

Articolo 113

Costituzione

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 113 Costituzione

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale [24] dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (1) [100, 103 1 , 2, 125]. Tale tutela giurisdizionale non può essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate categorie di atti. La legge determina quali organi di giurisdizione possono annullare gli atti della pubblica amministrazione nei casi e con gli effetti previsti dalla legge stessa (2).

Note

(1) La distinzione costituzionale tra organi giurisdizionali ordinari e amministrativi (speciali) (v. 100, 102, 103) si pone in continuità con il sistema della giustizia fatto proprio già dall'ordinamento del Regno d'Italia. La necessità di contemperare le esigenze di giustizia dei singoli e la libera esplicazione dell'attività dei pubblici poteri è stata la ragione di un articolato sistema di tutela del singolo nei confronti della pubblica amministrazione: era necessario istituire un sistema più garantista di quello dei ricorsi alla stessa pubblica amministrazione autrice dell'atto, senza paralizzare, però, l'attività amministrativa, anzi assicurandone la legalità. Si dovette far ricorso, perciò, ad un organo esterno alla pubblica amministrazione, ma non totalmente estraneo, o in potenziale conflitto con la stessa come il giudice ordinario: ci si appoggiò quindi al Consiglio di Stato [v. 100], cui fu concesso di intervenire sugli atti amministrativi fino al punto di annullarli.

(2) La Costituzione, nel recepire il quadro della giustizia amministrativa ereditato dal precedente regime, ha però stabilito una valvola di sicurezza del sistema: l'intervento adeguatore della legge, che ha consentito, o forse accelerato, una sempre maggiore tutela dei privati e una maggiore indipendenza degli organi di giurisdizione amministrativa. Questi ultimi sono stati messi, infatti, in condizione di intervenire sempre meglio a presidio della legalità dell'agire della pubblica amministrazione.


Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!