Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   PRIVACY

Articolo 497

Codice di Procedura Civile

Cessazione dell'efficacia del pignoramento

Dispositivo dell'art. 497 Codice di Procedura Civile

Il pignoramento perde efficacia quando dal suo compimento sono trascorsi novanta giorni(1) senza che sia stata chiesta l'assegnazione o la vendita [disp. att. 156](2).

Note

(1) Si precisa che il termine previsto dalla norma in analisi per l'efficacia del pignoramento, pari a novanta giorni, ha una diversa decorrenza a seconda delle varie forme di espropriazione: per l'espropriazione immobiliare il termine decorre dalla notifica dell'atto di cui all'art. 555 del c.p.c. o dalla trascrizione dello stesso, a seconda che si ritenga l'uno o l'altro essenziale. Nel caso dell'espropriazione mobiliare presso il debitore, dal giorno del compimento delle relative operazioni; nell'espropriazione presso il terzo, dalla notifica dell'atto di cui all'art. 543 del c.p.c.. L'orientamento dottrinale dominante ritiene che l'inefficacia ex [[497]] debba essere eccepita dalla parte interessata prima di ogni altra difesa. Diversamente, secondo parte della giurisprudenza può essere rilevata d'ufficio.

(2) L'inefficacia del pignoramento non produce come conseguenza l'invalidità del precetto. Invero, effettuato il pignoramento, il termine per la validità del precetto resta sospeso e, pertanto, se il pignoramento perde efficacia successivamente alla sua effettuazione, si potrà utilizzare il tempo residuale di efficacia del precetto per promuovere un nuovo pignoramento. Si parla di tempo residuale perché i novanta giorni di efficacia del precetto si sospendono e non si interrompono.
In aggiunta a quanto detto, è opportuno indicare che il termine di novanta giorni, previsto da tale articolo, viene sospeso nel caso in cui in tale periodo venga proposta opposizione agli atti esecutivi (v. 628). Il termine, poi, riprende a decorrere dal passaggio in giudicato della sentenza di rigetto dell'opposizione.

Spiegazione dell'Articolo 497 del Codice di Procedura Civile


Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il processo esecutivo

    Pagine: 1680
    Data di pubblicazione: dicembre 2014
    Prezzo: 130,00 -10% 117,00 €

    L'esecuzione forzata, che è mirata alla soddisfazione dell'interesse del creditore possessore di un titolo a sostegno della sua pretesa, è una attività ampiamente seguita da tutti gli studi legali. Attraverso l'apporto di Autori di riferimento, che uniscono ad un'ottima preparazione scientifica la conoscenza delle problematiche che si incontrano nello svolgimento dell'attività professionale, il volume analizza vari aspetti del procedimento esecutivo.

    ... (continua)