Art. precedente Art. successivo

Articolo 1342

Codice Civile

Contratto concluso mediante moduli o formulari

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 1342 Codice Civile

Nei contratti conclusi mediante la sottoscrizione di moduli o formulari [1370] (2), predisposti per disciplinare in maniera uniforme determinati rapporti contrattuali, le clausoleaggiunte al modulo o al formulario prevalgono su quelle del modulo o del formulario qualora siano incompatibili con esse anche se queste ultime non sono state cancellate (3). Si osserva inoltre la disposizione del secondo comma dell'articolo precedente (4).

Note

(2) Il testo del contratto concluso mediante moduli o formulari può essere predisposto: dalle parti del contratto (es.: contratti normativi con i quali le parti fissano la disciplina dei futuri contratti che eventualmente stipuleranno tra loro); da una sola parte del contratto (es.: polizze di assicurazione); da soggetti diversi dalle parti del contratto (es.: modulo del contratto di locazione venduto nelle tabaccherie). Generalmente, il regolamento contrattuale è predisposto da una sola parte che intende avvalersi di esso ogni qual volta stipulerà questo tipo di contratto.

(3) Si tratta di una regola interpretativa che mira a privilegiare, a tutela del «contraente debole», il contenuto del contratto frutto di trattative rispetto a quello risultante dal modulo, sia questo predisposto unilateralmente o dalle parti o aliunde.

(4) La norma si riferisce alle clausole vessatorie [v. 1341] contenute nel modello o formulario unilateralmente predisposto, richiedendone la specifica approvazione per iscritto al fine di richiamare l'attenzione dell'aderente.


Ratio Legis

La norma disciplina il fenomeno dei contratti per adesione ove il predisponente stabilisce il regolamento contrattuale per disciplinare in maniera uniforme i propri rapporti contrattuali, in modo tale da lasciare all'altra controparte (aderente) solo la scelta di aderire a tale regolamento se vuole stipulare il contratto. In tale ipotesi il regolamento contrattuale è costituito da vere e proprie condizioni generali di contratto [v. 1341].

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 4436/2007

Ai sensi dell'art. 113 secondo comma cod. proc. civ., come modificato dall'art. 18 del decreto legge 6 febbraio n. 18, convertito dalla legge 7 aprile 2003 n. 63, nei giudizi relativi ai contratti conclusi secondo le modalità di cui all'art. 1342 c.c., che siano stati instaurati con citazione noti­ficata dal 10 febbraio 2003, il giudice di pace non giudica secondo equità anche quando il valore della controversia sia inferiore ad euro 1100.

Cass. n. 8970/2000

In tema di contratti conclusi mediante utiliz­zazione di moduli o formulari predisposti da una delle parti, l'inserimento in essi di una clausola non comporta automaticamente la essenzialità della stessa, con la conseguente estensione della sua eventuale nullità all'intero contratto, essendo, invece, necessaria al riguardo un apprezzamento in ordine alla volontà delle parti quali obiettiva­mente ricostruibile sulla base del concreto regolamento di interessi, rimesso al giudice di merito ed incensurabile in cassazione se adeguatamente e razionalmente motivato (fattispecie in tema di concessione di credito su pegno, in cui era stata apposta sul modulo predisposto dall'istituto di credito una clausola omnibus, a garanzia, oltre che di un credito sufficientemente individuato, anche di ogni altro credito che fosse eventual­mente insorto a favore della banca verso il cliente, anche se non liquido ed esigibile, ed anche se as­sistito da altra garanzia reale o personale).

Cass. n. 4889/1998

L'inserzione in un contratto di assicurazio­ne, concluso mediante un modulo o formulario, di una clausola che preveda l'onere (a carico dell'assicurato) del tempestivo avviso del sinistro entro un termine di decadenza (convenzionale) clausola che è valida ove contempli un termine più lungo di quello (di tre giorni) stabilito dalla legge e sanzionato solo con la possibile riduzione dell'indennizzo, bilanciando così in favore dello stesso assicurato l'introduzione del termine deca­denziale, in modo da non dover essere ricondotta al disposto dell'art. 1932, comma primo, c.c. deve essere specificamente approvata per iscritto ai sensi dell'art. 1342, comma secondo, c.c., salvo che sia il risultato di trattative specifiche o che sia trascritta da un contratto collettivo. (Nella specie la S.C. ha cassato la pronuncia di merito che ritenendo invece inapplicabile l'art. 1342 c.c. aveva accolto l'eccezione di decadenza proposta dal fondo di assistenza sanitaria integrativa per i dirigenti di aziende industriali in riferimento alla richiesta di indennizzo di un dirigente inoltrata dopo la scadenza del termine di sessanta giorni previsto dall'art. 13 del regolamento del fondo stesso).

Cass. n. 2372/1993

Con riguardo a contratto concluso median­te modulo o formulario predisposto da una delle parti (nell'ipotesi, polizza di assicurazione), la di­sposizione dell'art. 1342, primo comma, c.c. si ap­plica esclusivamente ove sussista un contrasto tra le clausole aggiunte e quelle predisposte a stam­pa, per sancire la prevalenza delle prime, le quali, a tal fine, vanno interpretate in relazione al testo integrale del contratto, secondo i generali criteri interpretativi di cui agli artt. 1362 e seguenti c.c. (In forza di tali principi, la Suprema Corte ha confermato la decisione di merito, secondo cui l'aggiunta dattiloscritta di un dato rischio, indi­viduando una delle garanzie accessorie deducibili in contratto, non era incompatibile con la dizione a stampa, che contemplava l'esigenza d'indicare dette garanzie, rappresentando, anzi, la specificazione della dizione medesima).

Cass. n. 2863/1990

Nei contratti per adesione, il contrasto tra una clausola aggiunta e un'altra clausola conte­nuta nel modulo o formulario va risolto, in appli­cazione della norma specifica contenuta nell'art. 1342 c.c., nel senso della prevalenza della clau­sola aggiunta, non dovendosi fare invece ricorso ai criteri ermeneutici generali in tema di coordinamento ed integrazione fra le varie disposizioni contrattuali.

Cass. n. 269/1986

Con riguardo a contratto concluso median­te modulo o formulario predisposto da una delle parti (nella specie, polizza di assicurazione), ed al fine di stabilire se una clausola ad esso aggiunta abbia o meno portata derogativa di una delle con­dizioni generali, resta irrilevante che quest'ultima sia stata o non sia stata cancellata, occorrendo accertare l'intento dei contraenti mediante un esa­me globale della convenzione (art. 1363 c.c.), per riscontrare se il patto aggiunto sia in contrasto con quello predisposto od adempia alla funzione di integrarlo e specificarlo.

Cass. n. 4582/1985

Con riguardo ad un contratto concluso mediante sottoscrizione di moduli o formulari, la correzione dell'intestazione che qualifica il tipo del contratto (nella specie, mediante cancellazio­ne della frase «contratto di locazione o di affitto» e la sua sostituzione con quella «contratto di raccolta di foraggio ad uso pascolo»), comporta l'esclusione dalla convenzione anche delle clau­sole che, ancorché non cancellate né sostituite, abbiano riferimento al tipo originariamente de­terminato del contratto e siano incompatibili con quella diversa qualificazione, che assume così prevalenza ai sensi dell'art. 1342 c.c.

Cass. n. 6760/1981

In tema di contratti cosiddetti per adesione, la incompatibilità fra le cause aggiunte al modu­lo o formulario, rispetto a quelle preesistenti in quest'ultimo, in relazione alla quale l'art. 1342 primo comma c.c. prevede la prevalenza delle prime sulle seconde, ricorre quando le une e le altre siano insuscettibili di applicazione contem­poranea. Pertanto, con riguardo a contratto di as­sicurazione della responsabilità civile, la suddetta incompatibilità, fra una clausola aggiunta ed una preesistente, non può essere ravvisata per il solo fatto che entrambe investano la delimitazione dell'oggetto del contratto, cioè del rischio as­sicurato, atteso che, ove tale delimitazione venga effettuata, rispettivamente, in base ad elementi di natura diversa, quali il tipo di attività dell'as­sicurato ed il tipo del bene altrui inciso da questa attività, le clausole stesse, completandosi a vicen­da nell'indicata delimitazione del rischio, sono suscettibili di simultanea operatività.

Cass. n. 5131/1981

Una clausola inserita a penna da una parte in un modello già predisposto a stampa, arric­chendo il contratto di un contenuto dallo stesso non previsto, deve intendersi predisposta a nor­ma dell'art. 1342 c.c. a danno dell'altra parte la quale, per renderla efficace, qualora sia di natura vessatoria, deve approvarla specificamente per iscritto a termini dell'art. 1341, potendo in difet­to, farne valere l'inefficacia, a prescindere dalla possibilità di giovarsi altresì della querela di falso ove l'inserimento della clausola integri gli estremi della falsificazione del contratto.

risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Le clausole vessatorie a vent'anni dalla direttiva CEE 93/13

Collana: Consumatori oggi
Pagine: 192
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

In un sistema economico nel quale è sempre più chiaro lo squilibrio che caratterizza determinate contrattazioni, appare evidente la rilevanza rivestita dalle disposizioni normative che, in modo più o meno incisivo ed intervenendo ora nella fase delle contrattazioni ora in quella dell'attuazione di un rapporto negoziale già concluso, si propongono l'obiettivo di riequilibrare i rapporti. Ne è scaturita, pertanto, una riflessione in tema di clausole... (continua)

Il contratto preliminare

Editore: CEDAM
Collana: Il diritto applicato
Pagine: 1120
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Prezzo: 90,00 -10% 81,00 €

Un contratto che ha per oggetto un “futuro” contratto. Questa è la definizione che, in assenza di una diversa indicazione normativa, descrive il contratto preliminare ed esprime da sola la versatilità e l’attualità di una figura contrattuale che, ancora oggi, ha largo e prevalente impiego nella prassi commerciale.

Questa opera, pratica e ottimamente strutturata, analizza tutti i singoli profili: soggetti, oggetto, forma, natura giuridica,... (continua)

I diritti edificatori

Editore: Ipsoa
Collana: Notariato e diritto immobiliare
Pagine: 622
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 60,00 -10% 54,00 €

I nuovi assetti urbanistici devono tenere conto di alcuni interessi costituzionalmente orientati sorti negli ultimi anni: l’eguaglianza sostanziale dei cittadini dinanzi alla fruizione del territorio e all’allocazione delle opere pubbliche; la salvaguardia dei beni culturali ed ambientali; la ricerca di uno sviluppo edilizio sostenibile; l’attuazione di schemi di edilizia residenziale pubblica che diano la possibilità di attribuire in modo sempre più diffuso... (continua)

Risoluzione dei contratti

Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
Pagine: 528
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Prezzo: 62,00 -10% 55,80 €

Il lavoro affronta i tre profili della risoluzione del contratto, quella più frequente generata dall'inadempimento e le due residuali, ma non meno importanti, derivanti dall'impossibilità sopravvenuta e dall'eccessiva onerosità sopravvenuta della prestazione. Lo studio delle fattispecie è di particolare importanza anche per il notaio che, sebbene non si occupi del contenzioso generato dalla mancata realizzazione del sinallagma, è però in grado di... (continua)

La prova e il quantum nel risarcimento del danno

Autore: Cendon Paolo
Pagine: 3058
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Prezzo: 210,00 -10% 189,00 €

L’Opera, divisa in tre tomi, fornisce una trattazione completa in materia di prova e quantum nel risarcimento del danno non patrimoniale.

L'autore si sofferma sulla nozione di risarcimento in generale, e, in particolare, analizza l’applicazione pratica dell’istituto nei vari ambiti, quali il diritto della persona, famiglia, medicina, diritti reali, ambiente, obbligazioni e contratti, lavoro, società, amministrazione della giustizia, cultura e tempo... (continua)

Profili del nuovo diritto dei contratti

Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Prezzo: 15,00 -10% 13,50 €
Categorie: Contratto

Il volume si compone essenzialmente di due "voci" scritte per gli Annali dell'Enciclopedia del diritto (la voce "Formazione del contratto", apparsa negli Annali II, Milano, 2008, pp. 567-605; e la più recente voce "Nullità non testuale", apparsa negli Annali IV, Milano, 2011, pp. 798-828), alle quali è stata aggiunta una terza "voce" (se tale la si può considerare, sebbene impropriamente) costituita dal capitolo su "Comportamento del creditore. Mora accipiendi"... (continua)

La vendita. Con aggiornamenti online

Editore: Zanichelli
Collana: Dottrina Casi Sistemi
Pagine: 664
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 112,00 -10% 100,80 €
Categorie: Compravendita

La vendita è lo strumento contrattuale più diffuso nella prassi per realizzare uno scambio di beni, anche in ragione della tradizionale duttilità del relativo schema negoziale. È il primo dei contratti tipici ad essere disciplinato successivamente al "Titolo II Dei contratti in generale" cosicché la ricostruzione della sua disciplina costituisce un banco di prova degli istituti e dei principi generali dell'autonomia privata. Dal ceppo della vendita sono... (continua)

Incarico, contratto, preventivo. Con CD-ROM

Autore: Lanza Carlo
Collana: Ambiente territorio edilizia urbanistica. Strumen.
Pagine: 220
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 34,00 -10% 30,60 €

Il nuovo panorama che si è presentato con l'approvazione dei provvedimenti degli ultimi anni ha costretto a rivedere i criteri di stesura di un contratto professionale. L'adeguamento ai condizionamenti del "mercato" che ha codificato un principio di concorrenza ha anche escluso la possibilità di appellarsi a leggi, norme e consuetudini: la frase "Per quanto non esplicitamente previsto si fa riferimento alla Tariffa professionale di cui alla legge n. 143/49..." che ha... (continua)

I singoli contratti
La transazione

Collana: Trattato di diritto civile
Pagine: 210
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €
Categorie: Transazione

L’opera analizza in modo estremamente approfondito e completo il tema della transazione e delle sue forme di applicazione.

Di particolare interesse i rapporti tra composizione delle liti e mediazione civile e commerciale, alla luce delle recenti sentenze della Corte costituzionale della Corte di Giustizia Europea.

Sono trattati inoltre anche i profili fiscali e l’efficacia della transazione nelle vicende di natura successoria.

Il volume, frutto... (continua)

Diritto civile

Autore: Fratini Marco
Editore: neldiritto.it
Collana: Corso di magistratura. Le lezioni
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

Nel quarto volume del corso di diritto civile, dedicato al contratto, sono affrontate, in particolare, le seguenti questioni: I contratti asimmetrici; La garanzia per vizi; La vendita con riserva della proprietà; Il leasing; Il franchising; Il factoring; I contratti bancari.

(continua)