Art. precedente Art. successivo

Articolo 1330

Codice Civile

Morte o incapacità dell'imprenditore

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 1330 Codice Civile

La propostao l'accettazione, quando è fatta dall'imprenditorenell'esercizio della sua impresa, non perde efficacia se l'imprenditore muore o diviene incapace [414] prima della conclusione del contratto [1326] (1), salvo che si tratti di piccoli imprenditori [2083] o che diversamente risulti dalla natura dell'affare o da altre circostanze (2).

Note

(1) Anche questa norma, come la precedente, prevede una deroga alla regola generale secondo cui la proposta e l'accettazione diventano immediatamente inefficaci se il loro autore muore o perde la capacità, prima che l'accordo si sia perfezionato.

(2) Trattandosi infatti di piccoli imprenditori (si pensi agli artigiani) la conclusione del contratto è influenzata dalle qualità personali di questi ultimi, il cui venir meno fa cadere l'interesse alla conclusione del contratto.


Ratio Legis

La norma assicura una continuità nei rapporti d'impresa (media e grande), ai quali la proposta e l'accettazione si riferiscono, e si giustifica per il collegamento dell'affare con l'organizzazione imprenditoriale, che non può risentire delle vicende personali dell'imprenditore.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

608Non è stata ammessa la successione degli eredi nella proposta revocabile. Normalmente il bisogno che muove l'offerente a fare una proposta si deve configurare come a lui personale, se non risulti, per la rinuncia al potere di revoca, un'immanenza dell'interesse nel patrimonio di lui. Per giunta, non sempre gli eredi sono a notizia della proposta fatta dal loro autore, e pertanto non potrebbero sempre impedire tempestivamente la perfezione del contratto ove non lo trovassaro di loro convenienza.
Diversa è però la situazione che, in base al nuovo codice, si profila nell'ipotesi in cui il proponente sia un imprenditore. L'interesse all'affare in tal caso si scorpora dal proponente per incarnarsi nell'organizzazione, che egli aveva creata con carattere di continuità; è coerente allora che la proposta passi all'erede, come passa all'erede ogni interesse relativo all'impresa. Questa è ordinata in modo tale che la conoscenza di un affare concluso o proposto può agevolmente risultare o dalla notizia che ne hanno coloro ai quali il proponente ha conferito il potere di trattare affari, o dalla conoscenza che possono averne gli altri preposti dell'imprenditore a motivo del loro ufficio, ovvero dalle registrazioni che ne sono state fatte. Gli eredi dell'imprenditore sono perciò in condizione di conoscere, immediatamente dopo la morte del loro autore, se esistono affari in corso dl perfezionamento; possono cosi apprezzare tempestivamente la convenienza dell'affare in relazione alla nuova situazione dell'impresa ed eventualmente far luogo alla revoca della proposta. L'erede però potrà revocare la proposta soltanto se nel frattempo non sia pervenuta l'accettazione all'indirizzo dell'imprenditore defunto; quando poi, dalle dimensioni della impresa (piccolo imprenditore), dalla natura dell'affare o da altre circostanze, possa desumersi che l'affare medesimo era collegato con l'esistenza in vita dell'imprenditore proponente, la morte di questo impedirà perfezione del contratto (art. 1330 del c.c., in fine).
Si regola, nell'art. 1330 del c.c., la successione nella proposta dell'imprenditore senza distinguere il caso in cui questi, in base al libro del lavoro, abbia obblighi di registrazione e di tenuta di libri contabili, dal caso in cui tali, obblighi non sono imposti.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

Percorsi della causa nel sistema

Autore: La Rosa Elena
Editore: Giappichelli
Data di pubblicazione: ottobre 2014
Prezzo: 12,00 -10% 10,80 €
Il contratto di comodato nei rapporti di famiglia

Editore: Giuffrè
Collana: Officina. Famiglia e successioni
Pagine: 78
Data di pubblicazione: settembre 2014
Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €

L'opera "Il contratto di comodato nei rapporti di famiglia" affronta le seguenti tematiche: Diritto di abitazione ed assegnazione della casa coniugale; Trattamento fiscale e registrazione dell'atto di imposta; Casa coniugale di proprietà di terzi concessa in comodato; Tutela per l'ex coniuge: ripetizione delle somme per la ristrutturazione dell'immobile.

(continua)
Il contratto di agenzia. Artt. 1742-1753

Editore: Giuffrè
Collana: Il codice civile. Commentario
Data di pubblicazione: settembre 2014
Prezzo: 72,00 -10% 64,80 €
Categorie: Agenzia
Il subappalto dei lavori pubblici

Autore: Sadile Lia
Editore: Giuffrè
Collana: Teoria e pratica del diritto. Maior
Data di pubblicazione: luglio 2014
Prezzo: 60,00 -10% 54,00 €

L'opera conferisce organicità, attraverso una ricostruzione logico-sistematica sorretta dalle interpretazioni della dottrina, della giurisprudenza e dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, ad una materia retta non solo da una complessa normativa di settore ma anche dai principi dell'ordinamento comunitario e da norme del diritto nazionale di natura civilistica e fallimentare. Il volume, dopo aver definito l'istituto del subappalto, distinguendolo nettamente... (continua)

La diffida ad adempiere

Editore: Giuffrè
Collana: Officina. Civile e processo
Pagine: 86
Data di pubblicazione: ottobre 2014
Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €
Danno e risarcimento contrattuale. Estratto ad uso studenti

Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: settembre 2014
Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €
Nuovi profili del diritto dei contratti. Antologia di casi e questioni

Editore: Giappichelli
Collana: Principi regole e sistema. Bibl.dir.priv.
Data di pubblicazione: novembre 2014
Prezzo: 28,00 -10% 25,20 €
Categorie: Contratto

La collana Princìpi, regole e sistema si compone di quattro Sezioni: I) Corsi; II) Monografie; III) Diritto privato europeo; IV) Miscellanea. Il terreno delle prime due Sezioni è rappresentato dall'universo del diritto privato comune nelle sue tradizionali aree tematiche: persone, famiglia e successioni; diritti reali; obbligazioni e contratti; responsabilità civile; impresa; tutela dei diritti. La terza Sezione è dedicata, per un verso, alle direttive... (continua)

Cargo governance e modelli di cooperazione. Mandato, commissione e spedizione. Ediz. italiana, francese, inglese e tedesca

Editore: Giuffrè
Collana: Temi diritto privato e diritto pubblico
Data di pubblicazione: settembre 2014
Prezzo: 26,00 -10% 23,40 €
L'adesione del terzo al contratto. Art. 1332

Editore: Giuffrè
Collana: Il codice civile. Commentario
Data di pubblicazione: settembre 2014
Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €
Contratto preliminare di vendita di immobili

Editore: Giuffrè
Collana: Pratica giuridica. II serie
Data di pubblicazione: ottobre 2014
Prezzo: 42,00 -10% 37,80 €