Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale - -

Chi simula un incidente stradale risponde del reato di truffa assicurativa

Chi simula un incidente stradale risponde del reato di truffa assicurativa
Procedura ad indennizzo diretto e truffa assicurativa: chi è la persona offesa del reato?
La condotta dell’automobilista che simula un incidente stradale e denuncia il sinistro alla propria compagnia assicurativa si configura come “truffa assicurativa”, procedibile a querela della persona offesa che, nell’ambito del cosiddeto “indennizzo diretto”, è rappresentata anche dalla compagnia assicurativa di controparte.

Secondo la Suprema Corte di Cassazione, che si è pronunciata sul tema con una recentissima sentenza, nei casi in cui un soggetto simuli un incidente stradale e notifichi il sinistro alla propria compagnia assicurativa, potrà essere perseguibile penalmente se tempestivamente querelato dalla persona offesa.

Persona offesa che, nell’ambito della procedura assicurativa ad indennizzo diretto sarà considerata sia la compagnia assicurativa del soggetto che si è reso colpevole della simulazione – ovvero quella a cui il sinistro va notificato – sia quella che sarà poi (una volta istruita la pratica) tenuta materialmente a risarcire il danno.

Secondo quanto affermato dai giudici ermellini, infatti, ad entrambe le assicurazioni è riconosciuta la legittimazione ad agire e, quindi, il diritto di presentare querela nei confronti del colpevole.

Potranno, inoltre, essere chiamati a rispondere del reato tutti i soggetti coinvolti (in concorso tra loro) per la “truffa” posta in essere e, quindi, tanto la persona che avrebbe materialmente il diritto all’indennizzo quanto la persona complice che, con il proprio contributo, ha determinato l’evento reato.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio su questo argomento?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza


Notizie Correlate