Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Diritto penale - -

L'evasione fiscale č perseguibile penalmente?

L'evasione fiscale č perseguibile penalmente?
Si, la configurazione del reato di evasione fiscale è possibile, ma solo al superamento di determinate soglie. Quali?
Con il termine "evasione fiscale" si fa riferimento a tutte quelle ipotesi in cui il contribuente ponga in essere una condotta finalizzata a ridurre o eliminare il prelievo fiscale da parte dello Stato, attraverso la violazione di specifiche norme fiscali.

La condotta di chi evade il fisco è perseguibile penalmente al superamento di determinate soglie fissate espressamente dalla legge (D. lgs. n. 74/2000) ovvero quando la stessa risulti conforme a particolari comportamenti tipizzati dal legislatore.

E’ importante, in primo luogo, sottolineare che non tutti gli illeciti fiscali hanno la stessa gravità.

Tra le varie condotte tese a non pagare le tasse dovute, solo alcune sono considerate reati.

La legge stabilisce quando un illecito è punibile con una sanzione amministrativa (ammenda) o penale (multa o reclusione) e spesso la soglia, al di là della quale la condotta rileva penalmente, è quantitativa: tutto dipende da quanto si evade.

Vediamo, allora, quali sono le principali condotte che si configurano come reato, penalmente perseguibile, e le relative sanzioni alla luce di quanto disposto dal D.lgs. n.74 del 2000, così come modificato dal D.l. 138 del 2011 e dal successivo D. lgs. n. 158/2015.
  • La dichiarazione fraudolenta
Condotta: falsificazione delle dichiarazioni dei redditi o Iva inserendo elementi passivi fittizi (falsa fatturazione) o alterando le scritture contabili (per i soggetti obbligati).
Il reato sussiste se:
– l’imposta evasa è superiore a 30mila euro con riferimento a ciascuna delle singole imposte (prima era 77.468,53), e
– i redditi non dichiarati superano il 5% del totale o comunque 1,5 milioni di euro (prima era 1 milione)
Sanzione: reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni.
  • La dichiarazione infedele
Condotta: dichiarazioni non veritiere al di fuori dei casi precedenti (senza un impianto fraudolento, ma comunque consapevolmente e volontariamente).
Il reato sussiste se:
– l’imposta evasa è superiore a 150mila euro (prima era di 50.000 euro), e
– i redditi non dichiarati superano il 10% del totale o comunque i 3 milioni di euro (prima era 2 milioni).
Sanzione: reclusione da 1 a 3 anni.
  • L'omessa dichiarazione
Condotta: mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi, Iva e anche del 770 entro 90 giorni dalla scadenza.
Il reato sussiste se l’imposta evasa è superiore a 50mila euro (prima era 30mila).
Sanzione: reclusione da 1 a 3 anni.
  • L'omesso versamento dell'IVA e delle ritenute certificate
Condotta: la soglia di punibilità è fissata a 250mila euro (era 50mila).
  • L'emissione di fatture false
Condotta: emissione di fatture o ricevute per operazioni inesistenti al fine di consentire a terzi l’evasione dell’imposta sui redditi o dell’Iva, a prescindere dall’utilizzazione o meno dei documenti falsi da parte del soggetto ricevente e dall’importo (prima la soglia di punibilità era di 196 mila euro).
Sanzioni: da 1 anno e 6 mesi a 6 anni.
  • L'occultamento o la distruzione di documenti contabili
Condotta: distruzione o occultamento di scritture contabili o altri documenti di cui è obbligatoria la conservazione per non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume d’affari.
Sanzioni: reclusione da 6 mesi a 5 anni.

Per tutti questi reati, non si applicherà la sospensione condizionale della pena se l’imposta evasa supera:
– il 30% del volume d’affari;
– i 3 milioni di euro.

Non assimilabile all'evasione fiscale è, invece, il diverso fenomeno dell'elusione fiscale.
A differenza dell'evasione, l'elusione non si presenta come illegale: essa, infatti, seppur formalmente rispetta le leggi vigenti, le aggira nel loro aspetto sostanziale vanificando le ragioni per le quali sono state approvate.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio su questo argomento?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza


Notizie Correlate