Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 49 Costituzione

Dispositivo dell'art. 49 Costituzione

Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale [18, 98] (1).

Note

(1) Come sottolinea la disposizione, una delle principali funzioni dei partiti è di partecipare alla politica nazionale attraverso un confronto reciproco basato sulla democrazia. Nei fatti, stabilito un proprio programma, essi procedono ad individuare coloro che intendono proporre come candidati e, attraverso le campagne elettorali, a diffondere nei cittadini il proprio pensiero, al fine di attirare consensi. Dal punto di vista della struttura, essi sono associazioni private non riconosciute e organizzate stabilmente. Manca, nella Costituzione, una norma che ne imponga un'organizzazione democratica, ciò che solleva qualche dubbio circa la libertà di cui godono gli aderenti.
Attorno al profilo delle risorse economiche che li sostengono, gravita una delle questioni più accese della politica italiana sin dal dopoguerra ad oggi, quella del finanziamento pubblico ai partiti. Una prima legge a riguardo fu la l. 2 maggio 1974, n. 195, con la quale si voleva regolamentare la materia ed eliminare i finanziamenti illeciti. Lo scopo, però, non venne raggiunto ed, anzi, il fenomeno della corruzione in ambito politico venne alla luce negli anni '90 con tangentopoli. Lo sdegno dell'opinione pubblica condusse all'abrogazione della legge 195/1974 (con referendum tenutosi il 18 aprile 1993) ma il finanziamento pubblico ai partiti, pur se con nomi diversi, rimase in vita. Leggi successive furono: la l. 2 gennaio 1997, n. 2 che istituì il meccanismo della contribuzione volontaria; la l. 3 giugno 1999, n. 157, che ha cambiato il sistema in quello dei rimborsi per spese elettorali; la l. 26 luglio 2002, n. 156; la l. 6 luglio 2012, n. 96, che ha ridotto i finanziamenti; il D.L. 28 dicembre 2013, n. 149, convertito nella l. 21 febbraio 2014, n. 13, che ha stabilito la possibilità di destinare il 2 per mille della dichiarazione dei redditi ai partiti, entro precisi limiti e con la possibilità di una detrazione fiscale.

Ratio Legis

Il costituente afferma il diritto di ciascuno di costituire partiti in quanto esso è espressione del diritto di libertà dei singoli ed i partiti, espressione di pluralismo, rappresentano una delle basi dell'ordinamento democratico.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!