Art. precedente Art. successivo

Articolo 478

Codice di Procedura Penale

Questioni incidentali

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 478 Codice di Procedura Penale

1. Sulle questioni incidentali (1) proposte dalle parti nel corso del dibattimento il giudice decide immediatamente con ordinanza, previa discussione nei modi previsti dall'articolo 491.

Note

(1) A titolo esemplificativo, possono costituire «questioni incidentali» un'eccezione di nullità proposta da una parte o, ancora, una questione circa l'ammissibilità o meno di una testimonianza.


Ratio Legis

Ancora una volta il legislatore intende ribadire il principio della concentrazione, disponendo che ogni questione che dovesse presentarsi nel corso del dibattimento deve essere decisa «immediatamente» dal giudice (cioè, dal Collegio, se non si tratti di giudice monocratico), con ordinanza (che, ai sensi dell'art. 1253, deve essere motivata a pena di nullità).

risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)