Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

Ubi est verborum ambiguitas, valet quod acti est

Traduzione

Quando vi sia ambiguità nelle parole usate in un contratto, vale ciò che è stato realizzato

Spiegazione

La massima del giureconsulto Paolo, descrive il principio della conservazione degli atti giuridici: dice il codice civile che, nel dubbio, il contratto deve essere interpretato nel senso in cui può avere un significato e non già in quello in cui non ne ha alcuno.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Quando vi sia ambiguità nelle parole usate in un contratto, vale ciò che è stato realizzato"

  • Oggettività esistenziale dell'interpretazione. Studi su ermeneutica e diritto

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 33,00 -10% 29,70 €

    "... per quanto le leggi possano essere particolareggiate non cesseranno forse mai d'aver bisogno di interpreti": così Manzoni (La Colonna infame, II) rappresentava la vocazione ermeneutica del diritto. La filosofia contemporanea ha svelato che il comprendere è modo d'essere dell'esistenza umana. Il problema dell'interpretazione va dunque pensato in un nuovo orizzonte, a muovere dalla consapevolezza che il soggetto-interprete è ontologicamente situato nella struttura... (continua)


→ Altri libri su Quando vi sia ambiguità nelle parole usate in un contratto, vale ciò che è stato realizzato ←