Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

Senatus

Traduzione

Senato

Spiegazione

Nell'antica Roma, il senato era la camera degli aristocratici in cui sedevano i capi del patriziato e gli ex-magistrati. I membri dell'ordine senatorio avevano una serie di prerogative: il diritto di fregiarsi di un anello d'oro e di una toga bordata di porpora (laticlavium). Nella prima età repubblicana, il senato deteneva la sovranità all'interno dello Stato, controllando di fatto i tre poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario. Tramite la propria auctoritas, esso sovrintendeva all'emanazione delle leggi, bloccando come anticostituzionali tutti i provvedimenti di contenuto democratico. La funzione legislativa svolta dal senato trovava il suo coronamento nell'emanazione di decreti propri. Tramite il proprio consiglio, invece, esso controllava l'operato dei magistrati cui erano demandate le mansioni esecutive e giudiziarie. Questa funzione trovava il suo coronamento nella prassi dell'interregnum: in assenza dei magistrati supremi, era il senato a esercitare il potere esecutivo. Inoltre, a Roma come nell'antica Grecia, erano tratti dal senato i giudici dei tribunali penali: il che garantiva a quest'organo il controllo della giurisdizione criminale. La composizione di classe del senato andò mutando a partire dal IV secolo a.C., quando entrarono a far parte di esso ex-magistrati di estrazione plebea. Dopo le guerre puniche, il senato non fu più composto dai membri dell'aristocrazia, ma dai componenti di una nuova nobiltà, in parte patrizi, in parte plebei ricchi. Ciò nonostante, anche al tempo delle guerre civili il senato ebbe un ruolo sostanzialmente conservatore e antidemocratico, favorendo Siila contro Mario, e Pompeo contro Cesare. Nell'età del principato cominciò il declino di quest'organo, di volta in volta rispettato dagli imperatori più legalitari e disprezzato dagli imperatori più autoritari. Infine, nell'età del dominato, esso si ridusse a un'accolta di cortigiani, consiglieri del sovrano. La Costituzione italiana repubblicana prescrive che il numero dei senatori elettivi è di 315 (il senato romano aveva in origine 300 membri, che furono portati a 600 da Siila e a 900 da Cesare). Conformemente alle consuetudini della repubblica romana, gli ex-capi dello Stato sono nominati senatori di diritto e a vita.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Senato"

  • Poteri normativi del governo ed effettività dei diritti sociali

    Data di pubblicazione: settembre 2017
    Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €
    Categorie: Diritto pubblico

    Il volume si inserisce nell’ambito del progetto di ricerca di Ateneo “Stato di crisi, poteri al governo, decisioni di bilancio e tutela dei diritti sociali negli stati UE” finanziato dall’Università di Pisa per l’anno 2016 e coordinato dal Prof. R. Romoli, prendendo vita - in particolare – dalla seconda di tre iniziative che hanno animato il progetto.

    Nel contesto dell’ampio tema prescelto per l’incontro di studi del 27 ottobre... (continua)

  • Compendio di diritto degli enti locali

    Collana: Compendi
    Pagine: 416
    Data di pubblicazione: giugno 2017
    Prezzo: 23,00 -10% 20,70 €
    Categorie: Enti locali
    Il volume, giunto alla VIII edizione, illustra l'ordinamento degli enti locali alla luce delle più recenti novità che lo hanno interessato. Il parziale riordino della materia, introdotto dalla legge Delrio, si è venuto progressivamente a consolidare e numerose funzioni, che in precedenza rientravano nella sfera di competenza delle Province, sono ora state redistribuite tra tutti gli enti locali ad opera di ogni singola Regione, per mezzo di proprie leggi. Per quanto concerne più da vicino... (continua)
  • La rigenerazione di beni e spazi urbani. Contributi al diritto delle città

    Editore: Il Mulino
    Collana: Percorsi
    Pagine: 414
    Data di pubblicazione: giugno 2017
    Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €
    La rigenerazione urbana ha ormai una funzione chiave nell'ambito delle politiche di governo delle città. Il recupero di immobili abbandonati e di aree deindustrializzate, l'utilizzo condiviso di spazi pubblici, il riuso e la valorizzazione di beni pubblici e privati per fini culturali, le nuove destinazioni assegnate ai beni confiscati alla criminalità sono solo alcune delle forme di tale processo. Si tratta di interventi in grado di cambiare non solo le relazioni sociali di... (continua)
  • Corso di diritto pubblico romano

    Autore: Petrucci Aldo
    Editore: Giappichelli
    Pagine: 493
    Data di pubblicazione: giugno 2017
    Prezzo: 38,00 -10% 34,20 €

→ Altri libri su Senato ←