Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   PRIVACY

Brocardo

Ius postulandi

Traduzione

Facoltà di proporre domande in giudizio (per il proprio patrocinato)

Spiegazione

Di regola, le parti non hanno la capacità di stare in giudizio e compiere gli atti processuali relativi allo svolgimento dell'azione: tale capacità spetta, invece, al difensore. Solo in casi eccezionali la parte può stare in giudizio personalmente, ad esempio nelle cause il cui valore non eccede 516,46 €.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Facoltà di proporre domande in giudizio (per il proprio patrocinato)"

  • Istituzioni di diritto processuale civile. I principi

    Editore: Cacucci
    Pagine: 322
    Data di pubblicazione: marzo 2015
    Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

    Argomenti: Il diritto processuale civile e la funzione giurisdizionale. La giurisdizione contenziosa. Il processo civile e la costituzione. La domanda e le difese del convenuto. Il giudice e gli uffici giudiziari. Il pubblico ministero. Nessi tra azione e processi. Le parti e i difensori. Il processo con pluralità di parti. Le modificazioni riguardanti le parti. Gli atti processuali. Le spese del processo.

    (continua)

→ Altri libri su Facoltà di proporre domande in giudizio (per il proprio patrocinato) ←