Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

In claris non fit interpretatio

Traduzione

Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione

Spiegazione

Il latinetto espone il principio per il quale non sarebbe necessario interpretare le norme non oscure, dall'evidente significato In realtà, il giudice è tenuto a interpretare tutte le disposizioni, legislative e contrattuali, e in particolare, dovrà operare una interpretazione sistematica, che tenga conto dell'esistenza di altre norme oltre a quella oggetto dell'operazione ermeneutica. Anche in diritto romano il principio risultava non incontestabile: secondo Ulpiano, infatti, l'interpretazione è sempre necessaria, in quanto un testo di legge (od una disposizione contrattuale) è una fredda successione di parole che devono essere adattate al caso concreto.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione"

  • Le regole del gioco. Itinerari giuridici della modernità

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €

    Il volume raccoglie una serie di saggi dedicati agli argomenti di cui l'autore si è occupato negli ultimi anni, prevalentemente l'interpretazione giuridica, le codificazioni, le proprietà collettive, il contratto d'opera e l'appalto. Il titolo è evocativo del significato che il diritto rappresenta nella vita degli uomini, dettando le regole di quello che potrebbe apparire come un gioco e che proprio attraverso tale identificazione è stato ampiamente tratteggiato... (continua)

  • Del giurista interprete. Linguaggio, tecniche e dottrine

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 38,00 -10% 34,20 €

    "In questo lavoro ho sperimentato un modo diverso di praticare la teoria del diritto. Determinante è stata la sensazione che le usuali trattazioni dei teorici, le quali appiattiscono i problemi esegetici su un orizzonte atemporale, come se si trattasse di problemi logici, fossero inadeguate a per le meno bisognose di completamento. Il rimedio al difetto da me lamentato è presto detto: è consistito nell'individuare storicamente i modelli da sottoporre ad analisi... (continua)

  • Oggettività esistenziale dell'interpretazione. Studi su ermeneutica e diritto

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 33,00 -10% 29,70 €

    "... per quanto le leggi possano essere particolareggiate non cesseranno forse mai d'aver bisogno di interpreti": così Manzoni (La Colonna infame, II) rappresentava la vocazione ermeneutica del diritto. La filosofia contemporanea ha svelato che il comprendere è modo d'essere dell'esistenza umana. Il problema dell'interpretazione va dunque pensato in un nuovo orizzonte, a muovere dalla consapevolezza che il soggetto-interprete è ontologicamente situato nella struttura... (continua)

  • Interpretazione giuridica
    L'oggetto

    Editore: CEDAM
    Collana: Manuali di scienze giuridiche
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 28,00 -10% 25,20 €

    Il libro costituisce un ampio rifacimento e sviluppo degli 'Appunti dalle lezioni di teoria dell'interpretazione' del 1998, ed è rivolto anzitutto e soprattutto a far parlare i principali Autori che si sono dedicati movendo da premesse diversissime dai più diversi punti di vista allo studio del tema della 'interpretazione giuridica'.

    Si è cercato in tal modo di presentare un vasto panorama dei problemi, degli oggetti, degli scopi che il tema ha suscitato... (continua)

  • La richiesta di pareri consultivi alla Corte di Strasburgo da parte delle più alte giurisdizioni nazionali

    Editore: Giappichelli
    Collana: Univ. Milano Bicocca. Scuola di giurispr.
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €

    L'argomento di cui si discute in questo volume è alquanto problematico, poiché si tratta di una proposta avente ad oggetto un protocollo non ancora entrato in vigore, che è stato votato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa ma non è stato ancora ratificato da nessuno Stato, e certamente non dall'Italia. Parliamo quindi di un futuro, di un futuro problematico. E dunque molto importante che gli studiosi riflettano su una normativa che di per sé... (continua)

  • Le preleggi e l'interpretazione. Un'introduzione critica

    Autore: Velluzzi Vito
    Editore: Edizioni ETS
    Collana: Jura. Temi e problemi del diritto
    Pagine: 126
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 13,00 -10% 11,70 €

    Riflettere sugli articoli 12 e 14 delle Preleggi può apparire oggigiorno attività di retroguardia. Da più parti essi sono considerati residui del passato di dubbia utilità, inadeguati, superati dalla storia e dalle caratteristiche dello Stato costituzionale di diritto. Tuttavia si continua a discuterne, anche se con prevalente atteggiamento critico. I giudici ne fanno uso, seppur accordando differente peso e importanza all'una o all'altra disposizione, o a parti... (continua)


→ Altri libri su Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione ←