Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Brocardo

In claris non fit interpretatio

Traduzione

Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione

Spiegazione

Il latinetto espone il principio per il quale non sarebbe necessario interpretare le norme non oscure, dall'evidente significato In realtà, il giudice è tenuto a interpretare tutte le disposizioni, legislative e contrattuali, e in particolare, dovrà operare una interpretazione sistematica, che tenga conto dell'esistenza di altre norme oltre a quella oggetto dell'operazione ermeneutica. Anche in diritto romano il principio risultava non incontestabile: secondo Ulpiano, infatti, l'interpretazione è sempre necessaria, in quanto un testo di legge (od una disposizione contrattuale) è una fredda successione di parole che devono essere adattate al caso concreto.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione"

  • La fabbrica delle interpretazioni. Atti del 7° Convegno della Facoltà di Giurisprudenza Bicocca (Milano, 19-20 novembre 2009)

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

    Il volume raccoglie le relazioni (nonché alcuni interventi successivi) tenute nel corso dell'annuale Convegno della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Milano-Bicocca, svoltosi nel 2009. Sul tema delle interpretazioni del diritto, intese come contesti "artigianali" in cui il diritto viene lavorato con strumenti diversi, si confrontano esperti di differenti settori giuridici sia teorici (storici, filosofi, sociologi), sia pratici (processualcivilisti,... (continua)


→ Altri libri su Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione ←