Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   PRIVACY

Brocardo

In claris non fit interpretatio

Traduzione

Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione

Spiegazione

Il latinetto espone il principio per il quale non sarebbe necessario interpretare le norme non oscure, dall'evidente significato In realtà, il giudice è tenuto a interpretare tutte le disposizioni, legislative e contrattuali, e in particolare, dovrà operare una interpretazione sistematica, che tenga conto dell'esistenza di altre norme oltre a quella oggetto dell'operazione ermeneutica. Anche in diritto romano il principio risultava non incontestabile: secondo Ulpiano, infatti, l'interpretazione è sempre necessaria, in quanto un testo di legge (od una disposizione contrattuale) è una fredda successione di parole che devono essere adattate al caso concreto.

Tag associati

Articoli collegati

Testi per approfondire "Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione"

  • Oggettività esistenziale dell'interpretazione. Studi su ermeneutica e diritto

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 32,00 -10% 28,80 €

    "... per quanto le leggi possano essere particolareggiate non cesseranno forse mai d'aver bisogno di interpreti": così Manzoni (La Colonna infame, II) rappresentava la vocazione ermeneutica del diritto. La filosofia contemporanea ha svelato che il comprendere è modo d'essere dell'esistenza umana. Il problema dell'interpretazione va dunque pensato in un nuovo orizzonte, a muovere dalla consapevolezza che il soggetto-interprete è ontologicamente situato nella struttura... (continua)

  • La fabbrica delle interpretazioni. Atti del 7° Convegno della Facoltà di Giurisprudenza Bicocca (Milano, 19-20 novembre 2009)

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

    Il volume raccoglie le relazioni (nonché alcuni interventi successivi) tenute nel corso dell'annuale Convegno della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Milano-Bicocca, svoltosi nel 2009. Sul tema delle interpretazioni del diritto, intese come contesti "artigianali" in cui il diritto viene lavorato con strumenti diversi, si confrontano esperti di differenti settori giuridici sia teorici (storici, filosofi, sociologi), sia pratici (processualcivilisti,... (continua)

  • La richiesta di pareri consultivi alla Corte di Strasburgo da parte delle più alte giurisdizioni nazionali

    Editore: Giappichelli
    Collana: Univ. Milano Bicocca. Scuola di giurispr.
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €

    L'argomento di cui si discute in questo volume è alquanto problematico, poiché si tratta di una proposta avente ad oggetto un protocollo non ancora entrato in vigore, che è stato votato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa ma non è stato ancora ratificato da nessuno Stato, e certamente non dall'Italia. Parliamo quindi di un futuro, di un futuro problematico. E dunque molto importante che gli studiosi riflettano su una normativa che di per sé... (continua)

  • Nuovi dialoghi sull'interpretazione

    Collana: Piccole conferenze
    Pagine: 108
    Data di pubblicazione: dicembre 2013
    Prezzo: 8,00 -10% 7,20 €

    Uno scambio di vedute tra Mauro Barberis e Aljs Vignudelli in tema di Interpretazione. La prima parte è un’analisi critica di Barberis rispetto alle posizioni tenute da Vignudelli nella Monografia Interpretazine e Costituzione, (Giappichelli, Torino 2011). Critica (apparsa sulla rivista informatica Costituzionalismo.it) alla quale Vignudelli risponde sempre nella stessa sede. Successivamente Barberis, riprendendo le obiezioni, replica in altra sede... (continua)

  • Interpretazione giuridica

    Editore: CEDAM
    Collana: Manuali di scienze giuridiche
    Pagine: 610
    Data di pubblicazione: marzo 2012
    Prezzo: 44,00 -10% 39,60 €

    L'opera vuole essere una originale ricostruzione del concetto e dell'idea di diritto a partire da un approccio non filosofico ma del Costituzionalista. Lo scopo è di offrire un sussidio adeguato allo studente anzitutto, quanto autorevole.

    Si qualifica per la completezza (ampio spazio viene dato alla disamina delle teorie precedenti in materia) in particolare per questa edizione che raddoppia la mole e completa appunto l'originale disegno dell'Opera.

    (continua)

→ Altri libri su Nelle cose chiare non è concessa l'interpretazione ←