Art. precedente Art. successivo

Articolo 537

Codice Penale

Tratta di donne e di minori commessa all'estero

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 537 Codice Penale

I delitti preveduti dai due articoli precedenti sono punibili anche se commessi da un cittadino in territorio estero (1).

Note

(1) L'espressione "delitti preveduti dai due articoli precedenti" si riferisce dunque a quelli previsti dagli artt. 535 e 536, i quali sono stati abrogati e sostituiti dall'art. 3 della l. 20 febbraio 1958, n. 75, che ha ridisciplinato extra codicem i reati riguardanti la prostituzione. Quindi tale norma deve leggersi ora in riferimento a quanto previsto dalla suddetta legge, nota come legge Merlin.


Ratio Legis

La disposizione in esame è stata mantenuta anche dopo l'abrogazione degli artt. 531-536 ad opera degli artt. 3-6, della l. 20 febbraio 1958, n. 75, in quanto non sono stati soppressi del tutto i reati inerenti la prostituzione, ma piuttosto ridisciplinati extra codicem dalla suddetta legge.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Dal buon costume alla dignitą della persona

Collana: Univ. Torino-Dip. giurisprudenza. Quader.
Pagine: 176
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €
Atti del Convegno. Ultimo tango a Parigi quarant'anni dopo. Osceno e comune sentimento del pudore, tra arte cinematografica, diritto e processo penale

Editore: Aracne
Pagine: 208
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 13,00 -10% 11,70 €

"Ultimo tango a Parigi" è stato protagonista di una vicenda giudiziaria intricata e discussa, che ha reso pienamente meritata al film di Bernardo Bertolucci la fama di leading case nei rapporti tra arte cinematografica e diritto, tanto per ciò che attiene alla scure della censura amministrativa, abbattutasi su molti "film simbolo" di quegli anni, quanto in riferimento alla possibile rilevanza penale di opere cinematografiche ritenute oscene. Il 13 marzo 2012, a quarant'anni... (continua)