Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   PRIVACY

Articolo 404

Codice Penale

Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di cose

Dispositivo dell'art. 404 Codice Penale

(1)Chiunque, in un luogo destinato al culto, o in un luogo pubblico o aperto al pubblico, offendendo una confessione religiosa, vilipende con espressioni ingiuriose cose (2) che formino oggetto di culto, o siano consacrate al culto, o siano destinate necessariamente all'esercizio del culto, ovvero commette il fatto in occasione di funzioni religiose, compiute in luogo privato da un ministro del culto, è punito con la multa da euro 1.000 a euro 5.000.
Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibili o imbratta cose che formino oggetto di culto o siano consacrate al culto o siano destinate necessariamente all'esercizio del culto è punito con la reclusione fino a due anni (3).

Note

(1) L'articolo è stato così sostituito dalla l. 24 febbraio 2006, n. 85 (art. 8), che ha provveduto ad unificare nella tutela apprestata da tale disposizione tutte le confessioni religiose, eliminando quindi la disparità di trattamento tra la religione cattolica e le altre.

(2) La condotta di vilipendio ha ad oggetto delle cose ovvero tutti quei beni che siano in qualche modo connessi all'attività religiosa, in quanto venerati dai fedeli (si pensi alle immagini sacre, le statue, etc.), oppure benedetti o consacrati (chiese, altari etc.) o necessari al compimento di atti liturgici o rituali (libri sacri, paramenti etc.).

(3) Tale comma è stato inserito dalla l. 24 febbraio 2006, n. 85 e disciplina un'ipotesi speciale di danneggiamento ex art. 635, dalla quale si distingue n ragione dell'oggetto religiosamente connotato.

Ratio Legis

La dottrina maggioritaria propende per considerare qui tutelata la religione quale bene di civiltà, mentre altri ritengono che ci si riferisca alla personalità del fedele e del ministro di culto.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)