Art. precedente Art. successivo

Articolo 404

Codice Penale

Offese alla religione dello Stato mediante vilipendio di cose

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 404 Codice Penale

Chiunque, in un luogo destinato al culto, o in un luogo pubblicoo aperto al pubblico, offendendo una confessione religiosa, vilipende con espressioni ingiuriose cose che formino oggetto di culto, o siano consacrate al culto, o siano destinate necessariamente all'esercizio del culto, ovvero commette il fatto in occasione di funzioni religiose, compiute in luogo privato da un ministro del culto, è punito con la multa da euro 1.000 a euro 5.000.
Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibili o imbratta cose che formino oggetto di culto o siano consacrate al culto o siano destinate necessariamente all'esercizio del culto è punito con la reclusione fino a due anni.

Note

(1) Cfr. nota sub Capo I.

(2) La norma si riferisce a tutti quei beni che siano in qualche modo connessi all'attività religiosa, o perché sono cose che i fedeli direttamente venerano (le immagini sacre, le statue etc.), o perché sono cose benedette dal sacerdote o consacrate dal vescovo (chiese, altari etc.) o, infine, perché sono cose necessarie al compimento di atti liturgici o rituali (libri sacri, paramenti etc.).

(3) La Corte costituzionale con sentenza 10-14 novembre 1997 n. 329 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 404, comma 1, nella parte in cui prevede la pena della reclusione da uno a tre anni, anziché la pena diminuita prevista dall'art. 406 c.p. per i delitti contro i culti ammessi nello Stato.


Ratio Legis

Anche per questa norma, come per le precedenti, è stata chiamata in causa la Corte Costituzionale che ha dichiarato non fondata la questione di illegittimità costituzionale in relazione agli artt. 7 e 8 Cost. osservando che il diverso trattamento penale riservato alla confessione cattolica non determina una limitazione della libertà di altre confessioni religiose, ma, al contrario, si fonda su una diversità di situazione giuridica, ed, in particolare, sul diverso rapporto intercorrente con lo Stato.

risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)