Art. precedente Art. successivo

Articolo 41

Codice Penale

Concorso di cause

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 41 Codice Penale

Il concorso di cause preesistenti o simultanee o sopravvenute, anche se indipendenti dall'azione od omissione del colpevole, non esclude il rapporto di causalità fra la azione od omissione e l'evento (1).
Le cause sopravvenute escludono il rapporto di causalità quando sono state da sole sufficienti a determinare l'evento (2). In tal caso, se l'azione od omissione precedentemente commessa costituisce per sé un reato, si applica la pena per questo stabilita (3).
Le disposizioni precedenti si applicano anche quando la causa preesistente o simultanea o sopravvenuta consiste nel fatto illecito altrui (4).

Note

(1) Viene qui espresso il principio dell'equivalenza delle cause, secondo il quale in presenza di una pluralità di cause, tutte idonee a produrre l'evento, queste vengono considerate di pari valenza. Viene quindi ripreso il concetto espresso dall'art. 40 del c.p., per cui, affinchè si abbia imputazione è sufficiente che il soggetto abbia realizzato una condotta necessaria e l'imputazione a lui del fatto non è esclusa dall'intervento dell'operatività di altri fattori causali (antecedenti, concomitanti, successivi). Quindi, ad esempio, nel caso di morte di un pedone conseguente ad un investimento automobilistico, la responsabilità del conducente del veicolo non è esclusa dal fatto che la vittima era di salute malferma (causa preesistente) e che i sanitari hanno commesso errori nella cura successiva all'investimento (causa sopravvenuta).

(2) Il principio espresso dal comma 1, se fosse da solo applicabile, comporterebbe che qualsiasi comportamento dell'agente, che costituisca o si ponga come un precedente nell'accadimento della serie causale, dovrebbe ritenersi concausa dell'evento. Per temperare tale eccessivo rigore il legislatore ha inserito il comma in esame. Quindi la presunzione dell'equivalenza delle cause viene vinta quando una di esse è stata da sola idonea a realizzare l'evento, e, di conseguenza, le altre vengono considerate mere occasioni, non connotate da una loro autonoma efficienza.
Per esemplificare si pensi al caso in cui il conducente di un veicolo investa un pedone cagionandogli la frattura di un piede, e questi, accompagnato all'ospedale a bordo del veicolo di un amico, patisce un grave incidente a seguito del quale decede, l'evento letale non potrà ritenersi collegato casualmente alla condotta del primo conducente, in quanto il secondo sinistro (causa sopravvenuta) è stato da solo idoneo a produrre la morte. In tal caso, può dirsi che il primo investimento non è causa della morte, bensì occasione per lo svilupparsi di un altro separato e diverso processo causale dell'evento. Si ricordi poi che tale disciplina è dettata espressamente solo con riferimento alle «cause sopravvenute», ma secondo parte della dottrina, in via analogica, gli stessi principi dovrebbero applicarsi per l'ipotesi di cause concomitanti od antecedenti.

(3) Quindi, per chiarire, se si fa riferimento all'esempio esposto nella nota che precede, al conducente, anche se non risponde di omicidio colposo, potrà essere imputato il reato di lesioni colpose per la frattura provocata al piede.

(4) Tale comma chiarisce che quanto disposto dall'articolo in esame, ovvero il principio di eguaglianza delle cause e i suoi limiti, trova applicazione non solo in riferimento a cause antecedenti, concomitanti o sopravvenute come circostanze naturali o fortuite, ma anche quando si tratti di comportamenti illeciti di altri soggetti.


Ratio Legis

La norma qui esprime il principio dell'equivalenza delle cause, secondo il quale in presenza di una pluralità di cause, tutte idonee a produrre l'evento, queste vengono considerate di pari valenza, ricordando però che, quando una di esse sia stata da sola idonea a far realizzare l'evento, tale principio non opera in quanto se no si avrebbe un'imputabilità a catena senza limiti.

risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Corso di diritto penale
Il reato. I profili soggetivi

Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €
Categorie: Parte Generale

Nel terzo volume di corso di diritto penale sono esaminati i temi più attuali relativi al ai profili soggettivi del reato tra cui si segnalano: colpevolezza, dolo eventuale e colpa cosciente, colpa professionale medica, colpa per assunzione, responsabilità oggettiva.

(continua)
Manuale di diritto civile - Manuale di diritto penale. Parte generale - Manuale di diritto penale. Parte speciale - Manuale di dirito amministrativo

Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 350,00 -10% 315,00 €

Pacchetto di 4 manuali:

- diritto civile (IV ed. 2013);
- diritto penale - parte generale (IV ed. ottobre 2013);
- diritto penale - parte speciale (III ed. 2013);
- diritto amministrativo (VII ed. 2014).

(continua)
La punibilità e le conseguenze del reato. Parte generale

Collana: Trattato di diritto penale
Pagine: 596
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 95,00 -10% 85,50 €
Categorie: Punibilità

Il volume è un commento alla parte generale del diritto penale e analizza in particolare Le pene principali ed accessorie ,le misure alternative alla detenzione, le misure sostitutive, le misure di sicurezza, le fattispecie di risarcimento del danno, le responsabilità da reato e le misure di prevenzione.

PIANO DELL'OPERA

Capitolo I: LA TIPOLOGIA DELLE SANZIONI: LA DIFFERENZA FRA DELITTI E CONTRAVVENZIONI (Francesco Parisi)

Capitolo II: LE... (continua)

Manuale di diritto penale. Parte generale

Collana: Manuali Simone. Esami, concorsi, form.
Pagine: 480
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 27,00 -10% 24,30 €
Categorie: Parte Generale

Fra le novità di cui si tiene conto nella presente edizione, si segnalano i correttivi alla disciplina delle misure alternative alla detenzione, dovuti al ed. decreto svuota carceri (DI. 23-12-2013, n. 146, conv. in L. 21-2-2014, n.10), l'adeguamento della lettera di talune disposizioni codicistiche per effetto della riforma della filiazione (D.Lgs. 28-12-2013, n. 154) e la creazione di una inedita figura circostanziale aggravante comune, incardinata fra le misure dirette a... (continua)

Diritto penale. Parte generale e speciale

Editore: neldiritto.it
Collana: Corso di magistratura. Le lezioni
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

Questo terzo volume è dedicato alla Responsabilità degli enti, al Reato omissivo e al Rapporto di causalità.

(continua)
Compendio di diritto penale. Parte generale 2014

Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €
Categorie: Parte Generale

Il testo offre al lettore una sintetica ma completa trattazione della parte generale del diritto penale, esponendo e spiegando la materia con un linguaggio semplice ed un taglio moderno, affrontando le numerose problematiche attraverso le chiavi di lettura offerte dalle voci più autorevoli della dottrina e, soprattutto, dalle principali pronunce della giurisprudenza (di legittimità, di merito, costituzionale e sovranazionale).

Il monitoraggio puntuale ed aggiornato... (continua)

Manuale di diritto penale. Parte generale

Editore: neldiritto.it
Collana: I manuali superiori
Data di pubblicazione: gennaio 2014
Prezzo: 110,00 -10% 99,00 €
Categorie: Parte Generale

In questa decima edizione si è provveduto ad un aggiornamento, oltre che ad un arricchimento delle questioni trattate. Tra le problematiche più incise, quelle relative ai rapporti tra confisca urbanistica e proscioglimento per prescrizione (Corte Edu, 29 ottobre 2013), alla invocabilità della consuetudine nel riconoscere la scriminante "culturale" (Cass. pen., Sez. V, 28 settembre 2012, n. 37638), all'applicabilità del principio di irretroattività in caso... (continua)

Compendio di diritto penale. Parte generale e speciale

Collana: Moduli
Pagine: 460
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

L'aggiornamento normativo del volume tiene conto delle novità introdotte con: il D.L. 23 dicembre 2013, n. 146 (Misure urgenti in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e di riduzione controllata della popolazione carceraria), conv. con L. 21 febbraio 2014, n. 10, che ha modificato la materia delle misure alternative alla detenzione, prevedendo, tra l'altro, la liberazione anticipata speciale; il provvedimento ha altresì tutelato il detenuto introducendo il... (continua)

Diritto penale. Parte generale e speciale

Editore: neldiritto.it
Collana: Corso di magistratura. Le lezioni
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €

Questo quarto volume è dedicato alle Cause di giustificazione ed all'Elemento soggettivo.

(continua)
Trattato di diritto penale. Parte generale
La punibilità. Le conseguenze giuridiche del reato

Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: aprile 2014
Prezzo: 65,00 -10% 58,50 €
Categorie: Parte Generale