Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 346

Codice di Procedura Civile

Decadenza dalle domande e dalle eccezioni non riproposte

Dispositivo dell'art. 346 Codice di Procedura Civile

Le domande (1) e le eccezioni (2) non accolte nella sentenza di primo grado, che non sono espressamente riproposte (3) in appello, si intendono rinunciate.

Note

(1) La domanda "non accolta" è sia quella rigettata, ma anche quella ritenuta assorbita (in conseguenza della decisione di altre questioni ad essa pregiudiziali) o comunque non esaminata in primo grado.
(2) Le eccezioni "non accolte" sono quelle respinte o dichiarate assorbite o pretermesse dal giudice di primo grado.
Vanno sempre espressamente riproposte, essendo indifferente il fatto che si tratti di eccezioni di merito o di rito.
Secondo la giurisprudenza, in ogni caso il giudice di appello deve riesaminare le questioni pregiudiziali di rito e quelle preliminari di merito, anche laddove non riproposte dalla parte.
(3) La riproposizione delle domande e delle eccezioni non accolte, anche laddove si tratti di eccezioni e domande riconvenzionali, non richiede particolare formalismo e può essere effettuata in qualsiasi modo, purché risulti in modo chiaro ed univoco la volontà della parte di riproporle.

Ratio Legis

Il legislatore ha stabilito una presunzione assoluta di rinuncia alle domande ed eccezioni non espressamente riproposte in appello. Tale presunzione, però, non troverebbe applicazione nei confronti dell'appellato contumace: è opinione comune che le domande ed eccezioni da questi proposte nel giudizio di primo grado debbano essere riesaminate d'ufficio dal giudice di appello.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 2051/2014

Qualora l'appellato miri all'accoglimento della propria domanda nei confronti del chiamato in garanzia, per l'ipotesi in cui venga accolta la domanda principale proposta nei suoi confronti dall'attore rimasto soccombente in primo grado, non è necessaria la proposizione di appello incidentale condizionato, essendo sufficiente la riproposizione, ex art. 346 cod. proc. civ., della domanda non esaminata dal primo giudice per essere stata respinta la domanda principale, in quanto la parte vittoriosa in primo grado non ha motivo di dolersi dell'impugnata sentenza né dispone di elementi sui quali fondare le proprie censure sicché non può che limitarsi, per superare la presunzione di rinunzia, a riproporre la domanda di garanzia non esaminata, ancorché il rapporto dedotto in giudizio con l'appello principale sia diverso da quello concernente la domanda proposta nei confronti dei chiamati in causa.

Hai un dubbio su questo argomento?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Impugnazioni e filtro in appello

    Pagine: 350
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 56,00 -10% 50,40 €
    Categorie: Appello

    L’opera, aggiornata alla recente giurisprudenza e alla L. 134/2012 che inserisce il cosiddetto ”filtro in appello”, si pone come manuale di riferimento per tutte le problematiche relative ai mezzi di impugnazione delle sentenze che sono: l’appello, il ricorso per cassazione, la revocazione e l’opposizione di terzo.

    Oltre al commento autorale che nel dettaglio illustra gli istituti e le procedure è stata inserita a fine paragrafo, ove possibile,... (continua)

  • Il filtro dell'appello. Saggi, materiali e provvedimenti

    Collana: Focus
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €
    Categorie: Appello

    Dal settembre 2012 il nostro processo civile conosce un nuovo istituto: il filtro in appello. Il libro offre non soltanto una ricostruzione teorico-critica dei nuovi artt. 348-b/s e 348-ter c.p.c. (scritti in un linguaggio che non risulta perspicuo né di agevole esegesi), ma anche la vivida rappresentazione di quel ch'è avvenuto nei palazzi di giustizia, nella vita degli operatori del diritto che s'avvicinano titubanti e circospetti a codesto misterioso filtro e degli... (continua)

  • Codice delle impugnazioni civili. Annotato con dottrina, giurisprudenza e formule

    Editore: neldiritto.it
    Collana: I codici del professionista
    Data di pubblicazione: marzo 2011
    Prezzo: 120,00 -10% 108,00 €

    Il "Codice delle impugnazioni civili" nasce dall'idea di mettere a disposizione degli operatori del diritto (avvocati e magistrati) uno strumento per orientarsi nel modo migliore all'interno della complessa materia dei rimedi esperibili avverso le sentenze del giudice civile. Una simile guida si rivela utile nell'attuale quadro normativo, segnato da due recenti, importanti provvedimenti di riforma: il d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, che ha rinnovato funditus il giudizio di cassazione, e la... (continua)

  • Le impugnazioni delle sentenze e dei lodi

    Editore: CEDAM
    Pagine: 604
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 75,00 -10% 67,50 €

    Come la precedente edizione, si conferma un'Opera che tratta con completezza il tema fondamentale delle impugnazioni.

    La trattazione inizia con la disciplina generale delle impugnazioni, per spaziare, poi, al giudizio di appello, al ricorso per Cassazione, alla revocazione, all'opposizione di terzo.

    Ciascun capitolo è concluso da una completa bibliografia, che permette di approfondire in maniera proficua i singoli istituti trattati, e da una rassegna di giurisprudenza... (continua)