Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 19275 del 20 maggio 2005

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di riparazione per l'ingiusta detenzione, con riferimento all'ipotesi di abrogazione della rilevanza penale di condotte in precedenza sanzionate, è compito del giudice di verificare se le condotte addebitate all'istante, ritenute sanzionabili in base alla precedente normativa, siano state ritenute esistenti dal giudice di merito — e quindi l'assoluzione sia stata pronunziata solo per l'intervenuta modifica legislativa — oppure se il giudice di merito abbia escluso o ritenuto non provati comportamenti sanzionati penalmente in base alla precedente normativa: in tal caso la riparazione non potrà essere esclusa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.