Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 5069 del 21 maggio 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

Qualora l'applicazione della causa estintiva della prescrizione del reato sia conseguenza della concessione di attenuanti, la sentenza si caratterizza per un previo riconoscimento di colpevolezza dell'imputato ed è fonte per costui di pregiudizio. Sussiste, quindi, l'interesse del prevenuto a conoscere compiutamente le ragioni della decisione, che è travalicante del principio dell'immediata applicazione della causa estintiva, senza possibilità cioè di rilevare con il ricorso per cassazione vizi di motivazione o incompletezze istruttorie.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.