Cassazione civile Sez. III sentenza n. 525 del 12 gennaio 2011

(1 massima)

(massima n. 1)

Nei rapporti tra cedente e cessionario di quota di societā di persone, l'individuazione della parte tenuta al pagamento delle obbligazioni contratte dalla societā prima della cessione e non ancora estinte č un problema di ermeneutica contrattuale, avendo il legislatore lasciato all'autonomia contrattuale la regolamentazione della ripartizione interna di tali obbligazioni; al riguardo risultano, infatti, inconferenti le previsioni degli artt. 2269 e 2290 c.c., che attengono alla responsabilitā verso i creditori sociali, dell'art. 2263 c.c., che disciplina i rapporti tra i soci e dell'art. 2289 c.c., che regolamenta quelli tra societā e socio uscente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.