Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1987 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Efficacia delle promesse

Dispositivo dell'art. 1987 Codice civile

La promessa unilaterale di una prestazione non produce effetti obbligatori fuori dei casi ammessi dalla legge [1322, 1333] (1).

Note

(1) La tesi secondo cui la sfera giuridica altrui non è modificabile unilateralmente risulta oggi superata. Si ritene, infatti, che sia ammissibile anche la promessa unilaterale atipica purchè sia sorretta da una causa adeguata ed il destinatario possa rifiutarla.

Ratio Legis

La norma prevede il principio della tipicità delle promesse unilaterali: esse producono effetti solo nelle ipotesi previste dal legislatore. Circa il fondamento della norma, si ritiene che essa soddisfi sia l'interesse del terzo a che la sua sfera giuridica non sia toccata senza il suo consenso sia un interesse più generale, dell'ordinamento, a far si che ogni obbligazione sia sorretta da un interesse meritevole di tutela.

Brocardi

Pollicitatio
Promissio unius offerentis

Spiegazione dell'art. 1987 Codice civile

Le fonti delle obbligazioni secondo il nuovo codice. Le promesse unila­terali, senza essere fonte generale delle obbligazioni, ne sono, tuttavia, una fonte. Ragione della limitazione della loro efficacia giuridica ai casi stabiliti dalla legge

Il codice all'art. 1173 indica come fonti delle obbligazioni il contratto, il fatto illecito o ogni altro atto o fatto idoneo a produrle in conformità dell'ordinamento giuridico. Con quest'ultima frase non è possibile escludere che la promessa unilaterale sia fonte di obbligazione, sempre quando ricorra uno dei casi in cui è ammessa dalla legge. Il nuovo legislatore non ci ha dato una definizione dell'obbligazione ed ha preferito come dice la relazione ministeriale precisare il concetto di prestazione nel quale si concreta l'obbligazione. Il concetto è dato dall'art. 1174: « la prestazione che forma oggetto dell'obbligazione deve essere suscettibile di valutazione economica e deve corrispondere ad un interesse, anche non patrimoniale del creditore».

Di conseguenza, sempre quando concerne tale estremo e la legge consente la promessa unilaterale, dalla stessa scaturisce l’ azione. Siamo lontani, come è naturale, dall’ autonomia della volontà privata in materia contrattuale, la quale non è limitata neppure dai tipi numerosi di contratto regolati dal codice e può determinare accordi sui più svariati oggetti, finché il risultato che si propone « sia ammesso dalla coscienza civile e politica, dal­l'economia nazionale, dal buon costume e dall'ordine pubblico ». L'art. 1322 definisce in maniera assai ampia l'autonomia contrattuale, ammettendo che col contratto si possa realizzare qualunque interesse meritevole di tutela se­condo l'ordinamento giuridico. Con la promessa unilaterale invece bisogna limitarsi ai casi ammessi dalla legge. Ma in questa modesta sfera di attività anche la promessa unilaterale se non è una fonte generale, è tuttavia fonte di obbligazione. Le ragioni di questo trattamento di rigore riservato alle promesse unilaterali sono accennate nella relazione ministeriale, trascritta nella al commento di questo libro, vale a dire la difesa del contratto, di cui le promesse unilaterali scompaginerebbero il campo di applicazione ed autorizzerebbero gli elementi costitutivi.


Quali sono i detti casi

I casi in cui la legge ammette che la promessa unilaterale produca effetti obbligatori seno, innanzi tutti, quelli indicati nello stesso titolo IV, e cioè la promessa dì pagamento, la ricognizione di debito e la promessa al pubblico.

Dei due primi si farà parola a proposito dell'art. 1988, del terzo a proposito degli art. 19891991.

Altro caso é quello disciplinato degli art. 14 e 15 del codice, di cui fa menzione la relazione ministeriale. La fondazione é costituita con atto unilaterale e il fondatore può revocarla fino a quando non sia intervenuto il riconoscimento o egli non abbia fatto iniziare l'attività dell'opera da lui disposta. La facoltà di revoca non si trasmette agli eredi.


Le norme integrative degli art. 1324 e 1334. Rinvio

Come si é già accennato nella premessa a questo titolo, l'art. 1324 sancisce che salvo diverse disposizioni di legge (ad es. gli artt. 14 e 15 del Co­dice) le norme che regolano i contratti si osservano in quanto siano compati­bili per gli atti unilaterali tra vivi aventi contenuto patrimoniale (per analogia anche a quelli che avessero contenuto non patrimoniale). Le norme che non sono applicabili sono principalmente quelle che si riferiscono alla necessità dell'accordo delle volontà per l'esistenza dell'obbligazione.

Inoltre l'art. 1334 aggiunge che gli atti unilaterali producono effetto dal momento in cui pervengono a conoscenza della persona, alla quale sono destinati.

Qui basta aver ricordato tali disposizioni integrative del titolo, le quali hanno avuto l'illustrazione nel commento al titolo II, capo I e II.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Commentario al codice civile. Artt. 1987-2042: Promesse unilaterali. Titoli di credito. Gestione di affari. Indebito. Arricchimento senza causa

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: giugno 2009
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €

    Le novità legislative e giurisprudenziali di questi ultimi anni, in una materia particolarmente complessa e che appare in continuo movimento, soprattutto per quanto concerne i titoli di credito (le nuove forme di ricchezza mobiliare), la ripetizione dell'indebito, l'arricchimento senza causa.
    Come sempre, al testo di ogni articolo fa seguito nel volume un gioco di finestre iniziali, in cui si evidenzia qual è l'importanza di quella certa norma, anche nei suoi risvolti... (continua)

  • Commentario del codice civile. Delle promesse unilaterali, dei titoli di credito. Artt. 1987- 2027. Leggi collegate

    Pagine: 672
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €

    Il volume "Dei titoli di credito", coordinato dal prof. Raffaele Lener, è un autorevole commento, articolo per articolo, alla disciplina codicistica regolata dagli artt. 1992- 2027 e alle disposizioni di riferimento contenute nel Testo Unico della Finanza. Nell'opera il professionista trova un'analisi approfondita delle disposizioni di ciascun articolo del codice civile, unitamente ad una panoramica degli spunti più interessanti per la pratica professionale offerti dalla... (continua)

  • Le promesse unilaterali

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: aprile 2010
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €

    L'opera si propone di trattare in modo approfondito il tema delle promesse unilaterali.Come gli altri volumi del trattato il volume è suddiviso in due parti: la prima di contenuto teorico-espositivo, la seconde di contenuto pratico, contenente la trattazione di nove casi pratici che vengono affrontati, analizzati e risolti e che costituiscono un punto di riferimento per chiunque cerchi nel volume risposte concrete ed immediate.

    (continua)