Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 53 Testo unico bancario

(D.lgs. 1 settembre 1993, n.385)

Vigilanza regolamentare

Dispositivo dell'art. 53 Testo unico bancario

1. La Banca d'Italia ... emana disposizioni di carattere generale aventi a oggetto:
a) l'adeguatezza patrimoniale;
b) il contenimento del rischio nelle sue diverse configurazioni;
c) le partecipazioni detenibili;
d) il governo societario, l'organizzazione amministrativa e contabile, nonchè i controlli interni e i sistemi di remunerazione e di incentivazione; d-bis) l'informativa da rendere al pubblico sulle materie di cui alle lettere da a) a d).
2. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 12 MAGGIO 2015, N. 72. 2-bis. Le disposizioni emanate ai sensi del comma 1, lettera a), prevedono che le banche possano utilizzare:
a) le valutazioni del rischio di credito rilasciate da società o enti esterni; le disposizioni disciplinano i requisiti, anche di competenza tecnica e di indipendenza, che tali soggetti devono possedere e le relative modalità di accertamento;
b) sistemi interni di misurazione dei rischi per la determinazione dei requisiti patrimoniali, previa autorizzazione della Banca d'Italia. Per le banche sottoposte alla vigilanza consolidata di un'autorità di un altro Stato comunitario, la decisione è di competenza della medesima autorità, qualora, entro sei mesi dalla presentazione della domanda di autorizzazione, non venga adottata una decisione congiunta con la Banca d'Italia, e sempre che, entro il medesimo termine, il caso non sia stato rinviato all'ABE ai fini della procedura per la risoluzione delle controversie con le autorità di vigilanza degli altri Stati membri in situazioni transfrontaliere. 2-ter. Le società o enti esterni che, anche gestendo sistemi informativi creditizi, rilasciano alle banche valutazioni del rischio di credito o sviluppano modelli statistici per l'utilizzo ai fini di cui a1 comma 1, lettera a), conservano, per tale esclusiva finalità, anche in deroga alle altre vigenti disposizioni normative, i dati personali detenuti legittimamente per un periodo di tempo storico di osservazione che sia congruo rispetto a quanto richiesto dalle disposizioni emanate ai sensi del comma 2-bis. Le modalità di attuazione e i criteri che assicurano la non identificabilità sono individuati su conforme parere del Garante per la protezione dei dati personali.
3. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 12 MAGGIO 2015, N. 72. 4. La Banca d'Italia disciplina condizioni e limiti per l'assunzione, da parte delle banche o dei gruppi bancari, di attività di rischio nei confronti di coloro che possono esercitare, direttamente o indirettamente, un'influenza sulla gestione della banca o del gruppo bancario nonchè dei soggetti a essi collegati. In ogni caso i soci e gli amministratori, fermi restando gli obblighi previsti dall'articolo 2391, primo comma, del codice civile, si astengono dalle deliberazioni in cui abbiano un interesse in conflitto, per conto proprio o di terzi. Ove verifichi in concreto l'esistenza di situazioni di conflitto di interessi, la Banca d'Italia può stabilire condizioni e limiti specifici per l'assunzione delle attività di rischio. 4-bis. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 29 DICEMBRE 2006, N. 303. 4-ter. La Banca d'Italia individua i casi in cui il mancato rispetto delle condizioni di cui al comma 4 comporta la sospensione dei diritti amministrativi connessi con la partecipazione. 4-quater. La Banca d'Italia ... disciplina i conflitti d'interessi tra le banche e i soggetti indicati nel comma 4, in relazione ad altre tipologie di rapporti di natura economica. 4-quinquies. Le disposizioni emanate ai sensi del presente articolo possono prevedere che determinate operazioni siano sottoposte ad autorizzazione della Banca d'Italia. Possono inoltre prevedere che determinate decisioni in materia di remunerazione e di incentivazione siano rimesse alla competenza dell'assemblea dei soci, anche nel modello dualistico di amministrazione e controllo, stabilendo quorum costitutivi e deliberativi anche in deroga a norme di legge. 4-sexies. E' nullo qualunque patto o clausola non conforme alle disposizioni in materia di sistemi di remunerazione e di incentivazione emanate ai sensi del comma 1, lettera d), o contenute in atti dell'Unione europea direttamente applicabili. La nullità della clausola non comporta la nullità del contratto. Le previsioni contenute nelle clausole nulle sono sostituite di diritto, ove possibile, con i parametri indicati nelle disposizioni suddette nei valori più prossimi alla pattuizione originaria.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 53 Testo unico bancario

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

G. D. M. chiede
martedì 03/10/2017 - Lazio
“Buongiorno.
E' vero che constano già precedenti giurisprudenziali per cui è stato ritenuto che l’art. 53, comma 4-sexies del TUB, si applichi retroattivamente e sulla base di ciò è stata dichiarata la nullità di accordo “paracadute” conclusosi prima dell’entrata in vigore della Circolare di Banca d’Italia n. 285/2013, senza che nulla sia stato riconosciuto al Dirigente che ne invocava l’esecuzione ?
In caso affermativo, quali sono i riferimenti di questi precedenti ?
Che tipo di azione è possibile nei confronti della Banca che si è "dimenticata" di adeguare il contratto individuale, così come previsto dalla menzionata Circolare ?”
Consulenza legale i 08/10/2017
Il quesito riguarda le disposizioni di Banca d'Italia sulle politiche e sulle prassi di remunerazione ed incentivazione delle banche ai soggetti che esercitano un'influenza sulla gestione della stessa.

La Circolare di Banca d'Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 ha imposto alle banche italiane, alle società capogruppo di un gruppo bancario, alle SIM, ai gruppi di SIM e, in quanto compatibili, alle succursali italiane di banche extracomunitarie l’applicazione della nuova disciplina a tutti i contratti stipulati a partire dal 1° luglio 2015, nonché l’adeguamento di tutti i contratti in essere entro il 31 dicembre 2015.

La Circolare ha dettato, inoltre, regole di maggior dettaglio da applicarsi, in aggiunta alle precedenti, al “personale più rilevante”, quel personale la cui attività professionale ha o può avere un impatto rilevante sul profilo di rischio della banca o del gruppo bancario. Tali ulteriori regole prevedono, tra l'altro, i c.d. “golden parachute”, vale a dire i compensi pattuiti in vista o in occasione della conclusione anticipata del rapporto (in qualsiasi forma attribuita, inclusi i compensi per i patti di non concorrenza), che vanno: collegati alla performance realizzata e ai rischi assunti dalla persona e dalla banca; pattuiti nel rispetto dei criteri fissati dall’assemblea, tenendo conto tra l’altro della durata del rapporto intercorso; assoggettati alle regole della retribuzione variabile, tra cui i meccanismi di claw back e malus; rientrano nei golden parachute anche il compenso corrisposto in base a un patto di non concorrenza e l’indennità di mancato preavviso per l’eccedenza rispetto a quanto previsto dalla legge.

Si segnala, infine, che le disposizioni di Banca d’Italia devono essere osservate a pena di nullità delle pattuizioni individuali ad esse contrarie. Infatti, il D.lgs. 12 maggio 2015 n. 72, ha modificato l’art. 53 del D.lgs. 1° settembre 1993, n. 385 (c.d. TUB), aggiungendo il nuovo comma 4-sexies, ai sensi del quale “è nullo qualunque patto o clausola non conforme alle disposizioni in materia di sistemi di remunerazione e di incentivazione emanate ai sensi del comma 1, lettera d) (emanate da Banca d’Italia), o contenute in atti dell'Unione europea direttamente applicabili. La nullità della clausola non comporta la nullità del contratto. Le previsioni contenute nelle clausole nulle sono sostituite di diritto, ove possibile, con i parametri indicati nelle disposizioni suddette nei valori più prossimi alla pattuizione originaria”.

Lo scopo espressamente perseguito è quello di pervenire ad un sistema di remunerazione "in linea con i valori, strategie e gli obiettivi aziendali di lungo periodo scoraggiando politiche retributive - soprattutto per il personale più rilevante (amministratori, alti dirigenti) - correlate al raggiungimento di meri obiettivi di breve periodo. In tale quadro, tuttavia, rientra anche la disciplina inerente i cosiddetti golden parachute, definiti come compensi pattuiti in vista o in occasione della conclusione anticipata del rapporto di lavoro o per la cessazione anticipata della carica. Anche per tali accordi valgono i criteri introdotti per la cosiddetta retribuzione variabile.

Pertanto, è sicuramente vero che la norma della nullità si applica anche ai contratti stipulati precedentemente ma non adeguati alle nuove disposizioni in quanto è proprio la legge stessa che lo dispone, con la precisazione che, in caso di violazione dell'art. 53 comma 4 T.u.b., non è nullo l'intero contratto, bensì è nulla la sola clausola che viola le regole prescritte, cui è sostituita di diritto una con i parametri indicati nelle disposizioni nei valori più prossimi alla pattuizione originaria.

Per quanto concerne il rischio di non conformità alle norme per la banca, tale è il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (leggi, regolamenti) ovvero di autoregolamentazione.