Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Lavoro - -

Mobbing e risarcimento del danno

Mobbing e risarcimento del danno
Ai fini del risarcimento del danno è il lavoratore a dover provare che nei suoi confronti è stata perpetrata una serie di comportamenti persecutori, con intento vessatorio.
Tale materia è stata, recentemente, oggetto di un’ interessante sentenza della Corte di Cassazione (n. 21328/2017), la quale ha specificato che, per integrare la fattispecie del mobbing, deve essere provato l’unicità dell’intento lesivo delle condotte tenute dal datore di lavoro.
Nel caso sottoposto al vaglio degli Ermellini, un dipendente dell’ ASL agiva in giudizio affinché, il Tribunale, condannasse al risarcimento dei danni il suo datore di lavoro, a causa della condotta vessatoria posta nei suoi riguardi. Essa era consistita nella chiusura del reparto dove egli era primario e nella mancata assegnazione di incarico equivalente presso l’ospedale in cui era stato trasferito.

Il Tribunale, tuttavia, dichiarava nullo il ricorso proposto, in quanto privo degli elementi essenziali richiesti dall’art. 414 c.p.c..

Il lavoratore, allora, impugnava la sentenza innanzi alla Corte d’Appello, la quale riformava la decisione solo in relazione all’eccezione di nullità, mentre rigettava la domanda nel merito, in quanto la pretesa del lavoratore era carente degli elementi necessari per l’accoglimento della stessa. Tanto perché, la condotta vessatoria di cui si lamentava il ricorrente, non era da collegarsi ad a un disegno volto a mortificarne la personalità. Inoltre, il lavoratore non aveva, altresì, dedotto elementi in fatto dai quali si potesse trarre la sussistenza dei danni lamentati.

Contro tale decisione, il lavoratore ha proposto ricorso in cassazione.

La Suprema Corte, ha ritenuto di dovere confermare a quanto statuito in appello. Ha precisato, infatti, che il mobbing è costituito da una condotta protratta nel tempo volta a ledere il lavoratore. Gli elementi caratterizzanti questo comportamento sono:
  • la sua protrazione nel tempo attraverso una pluralità di atti:
  • la volontà che lo sorregge (diretta alla persecuzione od all’emarginazione del dipendente);
  • la conseguente lesione, attuata sul piano professionale o sessuale o morale o psicologico o fisico.

Nel caso di specie, tuttavia, tali elementi non erano stati provati e pertanto il ricorso non veniva accolto.

Redazione Giuridica

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza


Notizie Correlate