Art. precedente Art. successivo

Articolo 84

Costituzione

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 84 Costituzione

Può essere eletto Presidente della Repubblica ogni cittadino (1) che abbia compiuto cinquanta anni d'età (2) e goda dei diritti civili e politici (3).
L'ufficio di Presidente della Repubblica è incompatibile con qualsiasi altra carica (4).
L'assegno e la dotazione del Presidente sono determinati per legge.

Note

(1) Il possesso della cittadinanza, requisito espressamente prescritto dalla norma, esclude l'operatività dell'art. 51, comma 2, nella parte in cui consente che la legge ordinaria possa equiparare ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica [v. 51]. Anche se la Costituzione prevede che «qualsiasi cittadino» possa ricoprire la carica di Presidente della Repubblica, nella prassi finora sono divenuti Presidenti solo parlamentari (con l'esclusione di Ciampi) e tutti di sesso maschile.

(2) L'età minima di cinquant'anni risponde all'esigenza fondamentale di attribuire la più alta carica istituzionale solo a chi abbia le doti di maturità, esperienza e autorevolezza necessarie per un compito così delicato.

(3) Il godimento dei diritti civili esclude dalla eleggibilità a Capo dello Stato chi sia stato interdetto o inabilitato secondo la legge civile (ad es.: perché infermo di mente e incapace di provvedere ai propri interessi). È privo dei diritti politici chi sia stato, invece, cancellato dalle liste elettorali.

(4) Anche se manca un'esplicita previsione costituzionale, è prassi che il Presidente della Repubblica, appena eletto, si dimetta anche da tutte le cariche che eventualmente ricopre all'interno di un partito politico. Ciò risponde ad un preciso principio di correttezza costituzionale e mira a rafforzare l'indipendenza del Capo dello Stato da qualunque formazione politica.


Brocardi collegati a questo articolo

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)