Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 731 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n.1398)

Inosservanza dell'obbligo dell'istruzione elementare dei minori

Dispositivo dell'art. 731 Codice penale

Chiunque, rivestito di autorità o incaricato della vigilanza (1) sopra un minore, omette, senza giusto motivo (2), d'impartirgli o di fargli impartire l'istruzione [elementare] (3) è punito con l'ammenda fino a trenta euro.

Note

(1) Si tratta di reato proprio, in quanto può essere commesso solo dai genitori aventi la patria potestà o, in mancanza, dal tutore (v. 357) o da coloro ai quali il minore è affidato per ragioni di educazione, di cura, per l'esercizio di una professione o di un'arte etc.
(2) La mancanza di un giusto motivo è diversamente considerata quale elemento costitutivo del reato, mentre altri propendono per ritenerla una causa di esclusione della punibilità.
(3) Per quanto attiene la condotta dell'impartire, si ricordi che l'art. 174 del r.d. 5 febbraio 1928, n. 577 prevede la possibilità che l'obbligo all'istruzione venga assolo anche direttamente dal genitore o da chi ne fa le veci.

Ratio Legis

La disposizione in esame è diretta a garantire la tutela dell'interesse all'istruzione elementare dei minori.

Massime relative all'art. 731 Codice penale

Cass. n. 16438/2011

Ai fini dell'integrazione del reato di inosservanza dell'obbligo di istruzione dei minori la mancata conoscenza, da parte dei genitori, della omessa frequentazione scolastica dei propri figli non esclude l'elemento soggettivo, incombendo comunque su di essi uno specifico dovere, morale e giuridico, di vigilanza.

Cass. n. 22037/2010

L'inosservanza dell'obbligo di frequentare la scuola media superiore non configura la contravvenzione di cui all'art. 731 c.p., in quanto all'estensione dell'obbligo scolastico oltre la scuola media (art. 2, lett. c), L. 28 marzo 2003, n. 53) non è seguita l'introduzione di una sanzione penale in caso di sua violazione. (In motivazione la Corte ha precisato che l'estensione della norma sanzionatoria dell'art. 731 c.p. a detta ipotesi si risolverebbe in un'inammissibile interpretazione analogica "in malam partem").

Cass. n. 26960/2009

La contravvenzione relativa alla inosservanza dell'obbligo dell'istruzione elementare dei minori ha carattere permanente, sicché la condotta omissiva cessa o con l'adempimento o il venir meno dell'obbligo stesso o con la emissione della sentenza di primo grado.

Cass. n. 37400/2007

In tema di inosservanza dell'obbligo dell'istruzione elementare dei minori, integrano « giusti motivi» di esclusione della punibilità tutte quelle circostanze che rendono oggettivamente inattuabile l'adempimento dell'obbligo di istruzione quali: a) la mancanza assoluta di scuole o di insegnanti; b) lo stato di salute dell'alunno; c) la disagiata distanza tra scuola ed abitazione, se mancano mezzi di trasporto e le condizioni economiche dell'obbligato non consentono l'utilizzo di mezzi privati; d) il rifiuto volontario, categorico ed assoluto del minore, non superabile con l'intervento dei genitori e dei servizi sociali.

Cass. n. 33841/2007

Integra il reato di cui all'art. 731 c.p. la condotta di chi, investito di autorità o incaricato della vigilanza sopra un minore, ometta di vigilare e controllare che il minore si rechi realmente a scuola per ricevere l'istruzione.

Cass. n. 16965/2007

L'art. 731 c.p. sanziona l'inosservanza dell'obbligo dei genitori di impartire ai figli minorenni l'istruzione elementare e, pertanto, non ricomprende l'inosservanza dell'art. 2 lett. c) della legge 28 marzo 2003 n. 53 secondo cui è assicurato a tutti il diritto all'istruzione ed alla formazione per almeno dodici anni o, comunque, sino al conseguimento di una qualifica entro il diciottesimo anno di età (nella specie la Corte ha ritenuto che non configura il reato di cui all'art. 731 c.p. la violazione dell'obbligo di far frequentare ai minori la scuola media superiore).

Cass. n. 32539/2006

Il semplice rifiuto del minore di frequentare la scuola non costituisce motivo di esclusione dalla responsabilità in ordine al reato di cui all'art. 731 c.p., inosservanza dell'obbligo di istruzione dei minori, atteso che si configura quale giusto motivo idoneo ad escludere l'antigiuridicità dell'ipotesi di cui al citato art. 731 soltanto il rifiuto categorico ed assoluto, cosciente e volontario, dell'obbligato e che persista dopo che si sia usata ogni argomentazione persuasiva ed ogni altro espediente educativo, secondo il livello socio-economico e culturale dei soggetti coinvolti, e si sia fatto ricorso, ove possibile, agli organi di assistenza sociale.

Cass. n. 13977/2004

Il reato di cui all'art. 731 del c.p., inosservanza dell'obbligo di istruzione di minori, ha natura plurioffensiva, atteso che tutela non soltanto l'interesse pubblico dello Stato all'ottemperanza all'obbligo scolastico, ma anche il diritto soggettivo del minore a ricevere una adeguata istruzione, diritto costituzionalmente garantito dall'art. 30, comma primo, Cost.

Cass. n. 4478/1990

L'obbligo di curare l'istruzione elementare e media del figlio minore sussiste anche se quest'ultimo sia stato affidato — in sede di divorzio — all'altro coniuge. Ne deriva che è configurabile il reato di cui all'art. 731 c.p. a carico del genitore non affidatario, anche quando il minore non frequenti la scuola per comportamento addebitabile, in primo luogo, all'affidatario, ma il comportamento di costui non abbia trovato nell'adeguato interessamento del primo alcun rimedio.

Cass. n. 8425/1989

Anche dopo la legge di depenalizzazione n. 689 del 1981 la inosservanza dell'obbligo di istruzione dei minori è assistita da sanzione penale.

L'inosservanza dell'obbligo di istruzione media dei minori è punibile ai sensi dell'art. 731 c.p. il cui precetto, limitato all'istruzione elementare, deve ritenersi integrato, per la scuola media, con le disposizioni di cui all'art. 8 della legge n. 1859 del 1962.

Cass. n. 358/1989

L'art. 731 c.p. ha carattere meramente sanzionatorio ed è compresa tra le norme penali in bianco e cioè di quelle norme il cui precetto è integrato dalle leggi extra penali che si susseguono nel tempo, fermo restando il bene giuridico tutelato che, nel caso di specie, è individuabile nell'adempimento dell'obbligo scolastico. Ne deriva che l'espressione «istruzione elementare», correlativo alla legislazione vigente all'epoca di entrata in vigore del codice, non ha significato tassativo. La norma quindi punisce l'inosservanza dell'obbligo scolastico, tanto elementare che post-elementare, poiché, in virtù dell'art. 8 della legge 31 dicembre 1962, n. 1859 («istituzione ed ordinamento della scuola media statale») l'obbligo stesso è stato esteso all'istruzione di scuola media.

Cass. n. 5023/1988

Non può non ammettersi che la volontà del minore, contraria a ricevere l'istruzione obbligatoria, costituisca «giusto motivo», idoneo ad escludere l'antigiuridicità dell'ipotesi contravvenzionale di cui all'art. 731 c.p. ascritta al genitore. Deve trattarsi di rifiuto categorico ed assoluto, cosciente e volontario, dell'obbligato; il rifiuto deve poi permanere dopo che i genitori abbiano usato ogni argomento persuasivo ed ogni altro espediente educativo di cui siano capaci secondo il proprio livello socio-economico e culturale ed abbiano fatto ricorso, se le circostanze ambientali lo consentano, agli organi di assistenza sociale.

Cass. n. 4375/1988

L'inosservanza dell'obbligo di sussistenza dei minori è punibile ai sensi dell'art. 731 c.p. il cui precetto deve ritenersi integrato con le norme che prevedono la estensione dell'obbligo scolastico sino al termine della scuola media e comunque fino al compimento del quindicesimo anno di età.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza